/ Cronaca

Cronaca | 30 ottobre 2019, 18:34

Pedone investito sul Sempione a Sesto Calende: trasportato d'urgenza in ospedale, è grave

L'incidente si è verificato nel tardo pomeriggio di oggi lungo corso Matteotti. L'uomo stava attraversando la strada quando è stato travolto da un'auto. Per soccorrere il pedone è stato fatto alzare in volo anche l'elisoccorso.

Pedone investito sul Sempione a Sesto Calende: trasportato d'urgenza in ospedale, è grave

Grave incidente stradale nel tardo pomeriggio di oggi, mercoledì 30 ottobre, a Sesto Calende. Un uomo di 42 anni è stato trasportato d'urgenza in pronto soccorso in seguito ad un investimento avvenuto in città lungo la statale 33 del Sempione.

Ancora da chiarire la dinamica precisa di quanto accaduto: l'allarme è scattato intorno alle 17.40 lungo il tratto di Statale che in quel punto prende il nome di corso Matteotti, nei pressi dell'area commerciale e su una delle vie più trafficate di Sesto. Qui, per cause in corso di accertamento, un pedone è stato investito da un'auto mentre stava attraversando la strada.

Dalle prime informazioni raccolte sembra che l'uomo si trovasse sulle strisce pedonali al momento dell'impatto. Nello scontro con l'auto, guidata da una persona anziana che sembra procedesse a bassa velocità, è caduto a terra battendo violentemente la testa

Immediato l'allarme: la centrale operativa dell'Areu ha inviato sul posto due ambulanze in codice rosso, quello di massima urgenza.  Per velocizzare le operazioni è stato fatto alzare in volo da Milano anche l'elisoccorso che ha raggiunto Sesto Calende in codice rosso.

Dopo le prime cure ricevute sul posto l'uomo è stato caricato sulla barella e trasportato d'urgenza con l'elicottero al pronto soccorso dell'ospedale di Circolo di Varese in codice rosso. Le sue condizioni sono gravi.

Sul posto si sono precipitate anche le pattuglie della polizia locale e dei carabinieri della Compagnia di Gallarate, che si sono occupate dei rilievi per ricostruire la dinamica esatta di quanto accaduto.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore