/ Storie

Storie | 19 maggio 2024, 07:36

Gioele Porrini, il "principe" delle orchidee: «Ammaliato in Honduras, oggi ne coltivo 22mila»

Il varesino classe 1991 è uno dei soli sette coltivatori in Italia di questi fiori dal fascino intramontabile e il più giovane d'Europa: «Il nostro è un piccolo mondo, ma Varese queste piante sono ormai una tradizione grazie a pionieri come Giancarlo Pozzi, Alfredo Riboni e Nando Natali»

Gioele Porrini, il "principe" delle orchidee: «Ammaliato in Honduras, oggi ne coltivo 22mila»

Una passione per le orchidee e un vivaio ricco di esemplari rari: questa è la storia di Gioele Porrini, classe 1991 e proprietario di "Varesina Orchidee", in via Spalato, a Varese. 

Ma come è nata questa passione? «Durante il ciclo di studi ho coltivato l'hobby per le piante, tra cui le orchidee, che mi hanno ammaliato durante un viaggio fatto in Honduras con i miei zii, così, in seguito ho deciso di iscrivermi alla facoltà di Agraria - spiega Gioele Porrini - Nel studiare le orchidee ho avuto, poi, il maestro Giancarlo Pozzi, proprietario della "Orchideria" di Morosolo, a Casciago, da cui andavo tutti i sabati».

Una volta finito il ciclo di studi, Gioele ha rilevato, nel 2018, il vivaio in via Spalato, in quanto, il vecchio proprietario stava andando in pensione. «Il vivaio è nato nel 1965 e dagli anni '80 si coltivano orchidee. Infatti, a Varese, queste piante sono una coltivazione tradizionale, i cui pionieri sono stati Giancarlo Pozzi e Alfredo Riboni, proprietario della "Floricoltura Alfredo Riboni" - spiega - Io, invece, sono il più giovane coltivatore d'Europa. L'età media è sopra i 65 anni. È un piccolo mondo».

Ma come racconta Gioele il mondo delle orchidee esisteva già a Varese, grazie a Nando Natali: «Prima queste piante venivano vendute solo recise, in fialette con l'acqua. - racconta - Nando, appassionato di orchidee, nel 1945 ha introdotto il mercato delle orchidee in vaso, grazie anche ai suoi contatti con i missionari in Sud Africa che gli portavano questi esemplari. Era una persona di casa, un grande maestro. Inoltre, è stato fondatore dell' "ALAO", l'associazione lombarda amatori orchidee».

In Italia sono in totale sette i coltivatori di orchidee, tra cui i varesini Gioele Porrini, e Giancarlo Pozzi. Gli altri sono distribuiti lungo lo Stivale: due in Veneto, due in Toscana e uno in Liguria. In Europa, invece, sono in trenta: «Ci conosciamo tutti, soprattutto grazie alle mostre».

Il giovane coltivatore partecipa alle mostre portando le sue orchidee. Una di queste manifestazioni è "Varese Orchidea", un'altra è il "Congresso europeo delle Orchidee", che quest'anno si è tenuto a Dresda, in Germania. «Partecipo dalle 15 alle 18 mostre all'anno, principalmente tra Italia, Francia, Belgio e Germania» racconta.

"Varesina orchidee" nel suo vivaio ha circa 22mila pezzi di piante, ma non ha idee di quante specie abbia: «Coltivo orchidee botaniche e ibride, rare e da collezione. Le nostre specialità sono le "Paphiopedilum", dette anche "orchidee Scarpetta", ma anche la regina di queste piante: l"Orchidea Cattleya"» conclude.

Non resta che visitare lo splendido vivaio di Gioele Porrini, facendosi incantare dalla bellezza e dai colori delle orchidee. "Varesina Orchidee" è aperto da martedì al sabato dalle ore 9 alle ore 12 e dalle 14.30 alle 18.30. Durante i giorni delle mostre la serra resterà chiusa al pubblico. È possibile, inoltre, acquistare le orchidee online sul sito varesinaorchidee.it

Elisa Petrocelli

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore