/ Territorio

Territorio | 18 novembre 2023, 17:13

A Luino è in arrivo il Controllo di Vicinato: uno strumento in più per la sicurezza

"If you see something say something" in inglese o "fà balà l'oeucc" in dialetto, la città affacciata sul lago Maggiore adotta il CdV. A breve la polizia locale organizzerà i gruppi dei volontari, ma prima se ne parlerà nelle frazioni

A Luino è in arrivo il Controllo di Vicinato: uno strumento in più per la sicurezza

La sicurezza di una comunità passa attraverso la coesione sociale. Questo è lo slogan di Luino che annuncia ufficialmente l'adozione del Controllo di Vicinato, un'iniziativa mirata a potenziare la sicurezza pubblica attraverso la collaborazione attiva tra i cittadini e le forze dell'ordine. Una decisione presa in seguito a un accordo con la Prefettura di Varese che testimonia l'impegno congiunto per garantire un ambiente sicuro e protetto per tutti i residenti.

Il Controllo di Vicinato è uno strumento già ampiamente implementato in numerosi Comuni italiani. Questa iniziativa promuove l'auto-organizzazione tra i vicini per sorvegliare informalmente le aree circostanti le proprie abitazioni e gli spazi pubblici adiacenti. Cartelli appositamente posizionati comunicano a chiunque entri in queste zone che la presenza non passerà inosservata, poiché la comunità è vigile e consapevole delle attività nella propria area.

«Vogliamo che questo strumento diventi il più esteso possibile - commenta Ivan Martinelli, assessore alla sicurezza e Polizia Locale del Comune di Luino - il Controllo del Vicinato è già stato applicato con successo in oltre 500 Comuni italiani e anche in Provincia di Varese, ad esempio ad Olgiate Olona, Caronno Pertusella o nelle vicine Laveno e Brinzio. Nessuno vuole costituire ronde e non vogliamo avere sceriffi di strada, ma ci appelliamo all’attenzione e alla collaborazione dei cittadini. Le forze dell’ordine non devono essere sostituite, continueranno a fare il loro lavoro ottimamente senza sovrapposizione. Avranno così il supporto dei cittadini che renderanno difficoltose le intenzioni dei ladri e dei malfattori».

Partecipare volontariamente:

La Polizia Locale organizzerà il CdV. Chiunque volesse aderire dovrà compilare il modulo cartaceo presente in comando (Piazza Serbelloni C/O il Comune di Luino) o scaricabile del sito del Comune (appena sarà caricato). Per tutte le informazioni scrivere all’indirizzo polizia@comune.luino.va.it.

La Polizia Locale istituirà i gruppi di zona (che avranno a disposizione canali Whatsapp) e individuerà il coordinatore, ossia, colui che terrà i rapporti più importanti con le istituzioni e le forze di polizia. Ma tutti dovranno avvisare queste e scrivere nel gruppo Whatsapp in merito ad eventuali segnalazioni sospette nella propria zona di controllo.

Seguiranno incontri successivi nelle frazioni iniziando con Voldomino il primo di dicembre (ore 20.45) e il 6 di dicembre a Creva (ore 20.45). Seguiranno riunioni anche alle Motte e a Colmegna, poi si ritornerà a Palazzo Verbania per organizzare il centro cittadino. Sempre in quelle occasioni si potrà aderire al progetto e compilare il formulario.

Ciò che rende unico il Controllo di Vicinato è il suo carattere volontario. I cittadini sono chiamati a partecipare in un'azione che richiede un impegno ridotto, ma che ha un significato di grande importanza per la sicurezza collettiva. Partecipare a un gruppo di Controllo del Vicinato non comporta rischi per i residenti e non richiede atti di eroismo o pattugliamenti attivi. Gli abitanti possono continuare a svolgere le proprie attività quotidiane, acquisendo però una maggiore consapevolezza dell'ambiente circostante.

Oltre alla sorveglianza delle aree, il programma del Controllo di Vicinato prevede l'identificazione di vulnerabilità strutturali, ambientali e comportamentali che potrebbero favorire atti criminali. La collaborazione e la fiducia tra vicini sono essenziali per creare un clima di sicurezza percepito da tutti i residenti, in particolare da coloro più vulnerabili, come anziani e persone sole. Tutto ciò avverrà in stretta cooperazione con le forze dell'ordine.

vantaggi 

Prevenzione del crimine: aumento della sicurezza nelle abitazioni e nelle aree circostanti grazie alla sorveglianza attiva della comunità.

Riduzione della percezione di insicurezza: diminuzione della paura tra i residenti, specialmente tra le fasce più vulnerabili della popolazione.

Miglioramento della qualità della vita: favorisce la solidarietà, la collaborazione e la fiducia tra i vicini, rafforzando i legami comunitari.

Miglior rapporto con le forze dell'ordine: una collaborazione attiva per segnalare atti criminali, senza sostituire le forze dell'ordine nel loro ruolo di repressione del crimine.

Il controllo di vicinato non è il "controllo del vicino". Guardare e segnalare le persone con comportamenti sospetti è la prima azione da fare.

Ecco i comportamenti fondamentali da adottare: chiamare il 112, scrivere nel gruppo Whatsapp preposto o nel gruppo già presenti tra vicini, non mettere in pratica comportamenti pericolosi per la propria incolumità, evitare di rendere pubblici sui social i propri comportamenti o abitudini

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore