/ Varese

Varese | 18 giugno 2023, 09:14

Messaggio choc della Comunità dei Dodici Raggi contro il Varese Pride: «Un giorno questi individui non esisteranno più»

Blitz notturno della formazione di estrema destra sulla cancellata di Palazzo Estense prima della manifestazione arcobaleno di sabato con l'affissione di uno striscione: "Perversione e profitti travestiti da diritti". Il messaggio rilanciato sui social accompagnato da minacce inquietanti

Lo striscione affisso a Palazzo Estense dai Do.Ra e rilanciato sui social

Lo striscione affisso a Palazzo Estense dai Do.Ra e rilanciato sui social

Messaggio choc dei Do.Ra, la Comunità dei Dodici Raggi, nella notte prima del Varese Pride. I militanti della formazione di estrema destra hanno affisso, con il favore del buio, uno striscione sulla cancellata a fianco di Palazzo Estense con la scritta "Perversione e profitti travestiti da diritti".

Un messaggio diretto contro la manifestazione arcobaleno che di lì a poco avrebbe animato le vie del centro. Lo striscione a caratteri cubitali è stato rimosso prima dell'alba.

La foto dello striscione è però stata rilanciata sui canali social del gruppo estremista, accompagnato da un messaggio dai toni scioccanti: «Incursione dei nostri Militanti al Carnevale dei cosiddetti "diritti" delle devianze sessuali. Questi individui appoggiati dal nuovo ordine mondiale, reclamano il proprio spazio nella società odierna, anche se la Natura ha già condannato loro all'estinzione. Quando su questo martoriato suolo che noi chiamiamo Patria, sarà ristabilito il regno di Giustizia, essi saranno i primi ad accorgersene: non esisteranno più». Parole inquietanti, dai toni violenti e minacciosi inconcepibili in un Paese civile.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore