/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 26 maggio 2023, 15:30

Autostima e scuola: “Tu vali dieci e lode” all’Oasi di Santa Chiara

Sempre molto attivo il doposcuola dei Frati dove non si svolgono solo i compiti, ma si punta sull’autostima, il contrasto del disagio e dell’abbandono scolastico. Una cinquantina i ragazzi, una trentina i volontari, i costi ci sono e servono offerte

Autostima e scuola: “Tu vali dieci e lode” all’Oasi di Santa Chiara

«Il nostro fine non è solo didattico, scolastico, ma di crescita personale, vogliamo creare un luogo sicuro dove i ragazzi possano raccontarsi». Non è un caso che il motto che anima il doposcuola dei Frati, l’oasi di Santa Chiara, sia “Tu vali dieci e lode” e non è un caso che la coordinatrice dell’attività Elena Raimondi insista molto sull’autostima, sul fare in modo che quei ragazzi – molti dei quali stranieri e con difficoltà relazionali – stiano bene, si sentano a casa loro, imparino a credere che loro valgono qualcosa, che contano in questo mondo, che non sono dei numeri e che anche se hanno meritato un brutto voto a scuola, loro comunque valgono tanto.

Obiettivi significativi a cui i numeri danno ragione: una cinquantina di ragazzi, 21 nella primaria, 25 nella secondaria inferiore e due in quella superiore, da tutti i Paesi del mondo. Provengono da Marocco, Egitto, Tunisia, Ucraina, Pakistan, paesi latino-americani, con problemi linguistici, ma anche di apprendimento. Molti frequentano l’istituto comprensivo Tommaseo, ma alcuni anche le scuole Manzoni e di Castellanza.

Ma a tendere loro una mano c’è una trentina di volontari che si alternano tutti i giorni della settimana, coprendo i turni del pomeriggio da lunedì al venerdì. «Questa iniziativa – precisa la referente - conta su un discreto numero di volontari, ma non siamo mai abbastanza per aiutare e soddisfare tutte le richieste che pervengono ogni anno. Infatti abbiamo una lunghissima lista d'attesa, ma ahimè pochi soldi per soddisfare tutti».

Il doposcuola è gratuito, ma tra i costi vanno considerati il pagamento di luce e riscaldamento, materiale didattico e pulizia dei locali. Da qui l’appello a chi volesse dare un sostegno economico, Iban della parrocchia dei Frati: IT23Q0840422800000000002245

Stretta anche la collaborazione con le scuole e i servizi della rete territoriale. «Fondamentale è la relazione con le famiglie, gli insegnanti, psicologi, terapisti e altre figure di supporto – prosegue – Preziosissimo il rapporto di collaborazione con presidi e docenti, importante per redigere piani d’intervento individualizzati, dove naturalmente i ragazzi devono essere protagonisti. Così ragazzi e famiglie possono contare su un luogo dove, accanto a “fare i compiti” si sperimentano relazioni, cura, socialità, impegno verso sé e gli altri. Dunque un luogo prezioso in cui vivere accoglienza e attenzione reciproca e testimoniare fiducia, nonché investire sul futuro».

Così il doposcuola punta anche a contrastare il disagio dei ragazzi, l’abbandono scolastico che sta aumentando e dopo la pandemia anche atteggiamenti rischiosissimi di autolesionismo e depressione tra gli adolescenti.

Laura Vignati

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore