/ Territorio

Territorio | 09 aprile 2023, 08:00

Come se fosse la prima Pasqua. Storie di legami e di comunità

Da don David e i preparativi di Sant'Anna alla reazione di Solbiate per il suo don malato e al rapporto bellissimo tra l'ex parroco e Sacconago. Passando da riti finalmente vissuti senza limitazioni

Don David con i bambini a Sant'Anna

Don David con i bambini a Sant'Anna

Sarà una Pasqua speciale, e non solo perché ogni limitazione è caduta per viaggiare. Lo sarà, lo è, nel significato più profondo di questa festa, della fede e dei legami che sanciscono la solidità di una comunità.

Le mascherine riposte, i sorrisi ritrovati ma anche i gesti come quello della pace, le celebrazioni vissute pienamente come la Via Crucis che in questi giorni si è svolta nelle parrocchie del nostro territorio come in passato. Eppure c'è altro, ancora.

Storie che narrano di rapporti profondi, costruiti anno dopo anno o dopo pochi mesi. L'ultima, ma non ultima, quella di Sant'Anna, quartiere - anzi villaggio, perché è meraviglioso ricordarne le origini, pensate dagli architetti guidati da Richino Castiglioni - di Busto Arsizio. Qui da alcuni mesi è arrivato don David Maria Riboldi, il vicario parrocchiale e il cappellano del carcere. Una persona calata nelle sofferenze e nelle speranze dell'umanità, che ci ha descritto così bene i segnali incessanti nel rione e nella parrocchia. Come la nascita del doposcuola grazie all'impegno di tutti. LEGGI QUI

Ora con lui, riviviamo la gioia e la serietà dei ragazzini con il Triduo «tra giochi, uova, sacchetti del pane, momenti con Gesù…»  e la riconoscenza ai volontari che hanno reso possibile tutto ciò.

Negli avvisi della parrocchia, don David ha voluto condividere questo pensiero: «La Prima Santa Pasqua che ho la gioia di celebrare qui a Sant'Anna! Dico un grazie a tutti, di cuore, per il grande impegno profuso nel preparare le celebrazioni più importanti dell’anno liturgico: da chi si è speso in sacrestia al servizio d’ordine per le Palme e la Via Crucis, dalla corale che ha animato i canti alle catechiste, con un po’ di mamme e animatrici coordinate da Andrea, che hanno coinvolto i più piccoli nel ‘Triduo dei ragazzi’… davvero tanti grazie, dovendo supplire anche alle tante cose che un prete impara a conoscere di una comunità solo nel tempo: dal ‘chi fa cosa’ alle usanze singolari di una parrocchia. Mi sono sentito accompagnato e guidato». 

E ancora: «Tanti nomi, tanti volti che porto nel cuore al Signore Gesù con profonda gratitudine: celebro per voi e per i vostri cari la S. Messa solenne del giorno di Pasqua! Vi ringrazio anche per aver accolto me e la mia mamma: dopo mesi difficili, stiamo trovando pace e molto lo devo al vostro abbraccio e al vostro esserci. Grazie di Cuore».

Storie di anime, di famiglie, di comunità. Come quelle che abbiamo respirato in questi giorni, ad esempio a Solbiate Olona, dove il parroco don Fausto Ceriotti - lontano per motivi di salute, LEGGI QUI - ha affidato il suo messaggio affettuoso alle telecamere. O ancora, per tornare a Busto Arsizio, come don Luigi Caimi, che ha lasciato le redini della parrocchia di Sacconago parecchi anni fa, ma non trascura mai di salutare e fare i migliori auguri ai suoi sinaghini, anche attraverso i social, e all'occasione tornare. Non dimenticando nemmeno la Pro Patria, su cui vegliava con uno spirito degno di don Angelo Volonté.

Come se fosse la prima Pasqua: le chiese vuote del primo lockdown, il digitale in soccorso, potente ma ancora troppo freddo, le corsie di entrata e di uscita da rispettare, diventati un ricordo. In parte, anche un monito. Il presente è quello che è sempre stato eppure deve anche vestirsi di nuovo, come la Pasqua sollecita a fare di per sé: una comunità e le sue guide che camminano insieme, tra le mille difficoltà quotidiane, ma unite da una comune speranza.

Marilena Lualdi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore