/ Varese

Varese | 08 febbraio 2023, 12:08

Entro il 2024 Varese avrà un maxi centro dedicato ai giovani: «Studio, eventi e ricerca lavoro. In via Como uno spazio autogestito solo per loro»

Presentato questa mattina l'intervento che trasformerà una palazzina su due piani in un luogo gestito totalmente dalle associazioni e dagli studenti con 100 posti in aule studio, 14 postazioni coworking, Informagiovani e Informalavoro: «Costerà 500mila euro e sarà su 1.200 metri quadri. Finalmente uno spazio moderno per i nostri ragazzi»

Entro il 2024 Varese avrà un maxi centro dedicato ai giovani: «Studio, eventi e ricerca lavoro. In via Como uno spazio autogestito solo per loro»

Cinque aule per Informagiovani, Informalavoro e servizio civile al piano terra, un ufficio dedicato ai colloqui, una sala riunione, un'aula eventi per quasi cento posti e due locali coworking con 14 postazioni, un piano superiore dedicato totalmente a tre aule studio e ritrovo di circa 100 posti e a un locale ristoro.

E' stato presentato questa mattina il nuovo Spazio Giovani di via Como a Varese. La gara d'appalto verrà pubbicata in questo mese mentre il progetto verrà concluso nel 2024. Un'opera importante per i giovani varesini, con un costo di 500mila euro in parte finanziato dal Comune e in parte dal Pnrr. Il tutto per 1.200 mentre quadrati su due piano e un tempo di intervento stimato in 27 settimane. All'esterno, inoltre, ci sarà anche un cortile dove sarà possibile socializzare, oltre a un piccolo orto: lo spazio, anche all'esterno, sarà attivo a 360 gradi e anche alla sera.

«La città di Varese avrà finalmente uno spazio moderno per i giovani - dice Matteo Capriolo, consigliere comunale delegato alle Politiche giovanili - che ospiterà aule studio, Informagiovani, Informalavoro ed eventi. Questa struttura avrà un modello di autogestione: non andiamo a creare una scatola dove in maniera confusa si fa qualcosa ma dove i giovani si prendono uno spazio e lo fanno proprio».

«L'area dove sorgerà, in via Como, verrà completamente riqualificata - dice ancora Capriolo - Non consumiamo nuovo suolo, ma riqualifichiamo uno stabile e lo rendiamo uno spazio di aggregazione giovanile. Tre le finalità di questo spazio: studio, eventi - dalle band musicali al teatro - e lavoro grazie all'Informagiovani. In un luogo di aggregazione giovanili affiancare un servizio come l'Informagiovani è importante. In più ci sono aree di coworking». 

«Presentiamo oggi il nuovo spazio giovani di via Como - ha aggiunto il sindaco Davide Galimberti - che sarà un punto di riferimento per i nostri giovani. Vogliamo che ci sia una gestione totale, esclusiva, autonoma delle associazioni che hanno sviluppato il progetto e che lo spazio sia totalmente dei giovani. Per questo abbiamo ascoltato il loro input e quello delle associazioni. Non solo. Andremo a collocare questa struttura in prossimità delle stazioni, riqualificando l'area al fine di renderla ancora più viva e capace di attrarre. L'attivazione di questo spazio porterà anche maggiore sicurezza nella zona, contribuendo a rilanciarla ulteriormente. L'intervento si inserisce all'interno del polo culturale dell'ex Caserma Garibaldi, dove gli spazi per i giovani saranno enormi: in questo luogo i ragazzi varesini potranno sperimentare cose nuove e innovative. Ci aspettiamo nelle prossime 27 settimane un contributo da parte delle associazioni e di tutti i soggetti che lo utilizzeranno».

L'assessore ai Servizi Educativi, Rossella Dimaggio, ha sottolineato come conti il metodo e come «il progetto non sia calato dall'alto, ma parta dai giovani. C'è condivisione e i giovani riempiono uno spazio assieme. Il modello organizzativo è parte integrante del progetto, all'avanguardia dal punto di vista informatico e con spazi flessibili diversi da quelli a cui siamo abituati. Faremo presto un incontro con le associazioni perché ci interessa muovere idee». 

Presente in Biblioteca, dove è stato presentato il progetto, anche Samuele Astuti, consigliere regionale uscente, il segretario cittadino del Pd Luca Carignola e Andrea Civati, assessore a Rigenerazione Urbana, Mobilità e Infrastrutture: «Spesso ragioniamo di Varese come città universitaria e ci lamentiamo - ha detto Civati - Noi mettiamo questo progetto all'interno di un'iniziativa che porterà il centro urbano di Varese a essere un centro universitario moderno. La localizzazione di questo Spazio Giovani rientra in questa strategia: dallo Studentato di Biumo a quello dell'ex City Hotel già in attività in via Medaglie d'Oro fino alla Caserma, vogliamo portare gli studenti in centro e vogliamo che gli spazi siano condivisi».

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore