/ Varese

Varese | 15 novembre 2022, 17:26

VIDEO. Varese riassapora l'antica grandeur davanti a Mattarella. «Questo palaghiaccio è dedicato a tutti i bambini che vogliono diventare eroi senza costume né mantello»

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella emozionato davanti alla commovente esibizione di piccoli e grandi varesini con i pattini ai piedi nel giorno dell'inaugurazione dell'arena di ghiaccio di via Albani. E il sindaco chiede a Carolina Kostner: «Vieni a vivere a Varese?»

Pattinatrici e pattinatori delle società varesine davanti al Capo dello Stato Mattarella nel giorno dell'inaugurazione del palaghiaccio (Foto Galbiati)

Pattinatrici e pattinatori delle società varesine davanti al Capo dello Stato Mattarella nel giorno dell'inaugurazione del palaghiaccio (Foto Galbiati)

«Questo palaghiaccio è dedicato a tutte le bambine e ai bambini. Io mi sono spezzata le ali ma poi sono tornata a volare come spero facciano anche loro verso il futuro, con i pattini ai piedi, sul ghiaccio di Varese»: la danza e le parole della divina Carolina Kostner, a cui il sindaco Galimberti ha chiesto di trasferirsi a Varese (sotto il video con la sua risposta), sono state portate ad esempio da un emozionato presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: «Ci ha regalato un momento splendido - ha detto il Capo dello Stato - insieme a giovani e meno giovani leve delle società del ghiaccio di Varese. Questo grande palaghiaccio è bello da vedere, ma sarà ancor più bello per i ragazzi che qui cresceranno. Sono a Varese per loro».

Il presidente e la farfalla hanno fatto aprire le ali e trepidare - come se Varese potesse partire da qui per tornare davvero alla sua antica grandeur, facendo squadra - gli oltre mille invitati tra bimbi delle scuole, autorità, sindaci e imprenditori presenti nell'arena di via Albani («Papà, mi porti a pattinare domani?» ha detto una bimba alla fine. È questa la conquista più bella di oggi).

Battendo mani, piedi e cuori, abbiamo tutti danzato sul ghiaccio insieme alla farfalla della Val Gardena a cui, nel momento più intenso e memorabile della mattinata di visita del Capo dello Stato in città (leggi QUI e QUI), si sono uniti atlete e atleti di pattinaggio artistico, sincronizzato, short trake, curling, giocatori di Mastini e Killer Bees di hockey (Vanetti e Barban), la campionessa di casa Ginevra Negrello e poi Alessandra Trusiani, Sara Perrotta, Avogaro Maia, Igor Stella dell'Armata Brancaleone, con le ali sulla sua slitta.

È lì, sulla musica incantata e capace di afferrare al cuore di "Fino all'alba", l'inno di Arisa delle Olimpiadi Milano Cortina 2026, che a tutti i presenti sulle tribune e nelle dirette video (guarda QUI le foto), si è stretto un nodo in gola fino quasi alle lacrime.

"Era un ragazzo come noi che aveva un sogno nel cassetto. Voleva essere un eroe senza costume né mantello" canta Arisa: un ragazzo come noi, senza costume né mantello, lo è stato il Presidente della Repubblica mentre consegnava il palaghiaccio, ma in fondo Varese, ai giovani e al futuro («Sono qui per loro»), ribadendo le parole del sindaco Galimberti su un impianto pensato, progettato e costruito in piena pandemia, dove le difficoltà erano nuvole che correvano veloci, ma meno veloci di quel sogno nel cassetto. 


"Sognava di toccar le nuvole e di volare con le aquile, ma lui poteva solo correre e continuare a sognare. Non ti voltare, non ti fermare. Fino all'alba" come qui nessuno si è voltato e ha continuato a sognare davanti alle macerie del palaghiaccio. E ai 1200 presenti è veramente sembrato di volare con le aquile davanti all'indimenticabile scena in cui Igor, sulla sua slitta, batteva il bastone da hockey per terra davanti al Presidente nell'applauso più rumoroso e vitale di tutti.

"E c'era un cielo limpido, come dipinto col pastello, e quel ragazzo era un eroe ma senza maschera e mantello. Scendeva forte come un fulmine tra le montagne con le aquile. Aveva un cuore incontenibile e gli occhi pieni di emozione": il senso di una comunità orgogliosa e unita senza barriere che sa ancora costruire qualcosa da lasciare ai propri figli, come faceva una volta, era tutto lì. Racchiuso in un momento sublime ma non irripetibile, tra luci e odore di ghiaccio che riattaccavano l'anima di una città al filo che arriva dal passato e porta nel futuro. 

Il «momento splendido» vissuto dal Presidente della Repubblica è l'attimo in cui le ragazze e i ragazzi di Varese si sono fermati in fila sul ghiaccio, mano nella mano, con un sogno nel cassetto, e cioè essere eroi, anzi pattinatori di tutti i giorni senza maschera e mantello. 



Andrea Confalonieri

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore