/ Territorio

Territorio | 14 agosto 2022, 08:00

«Cittadini, non giratevi dall'altra parte: diventate controllori ambientali per il bene di Cassano»

Nei giorni scorsi la lettera del sindaco Pietro Ottaviani sui rifiuti: «L'omertà favorisce solo gli incivili»

Un ritrovamento di rifiuti a Cassano - foto d'archivio

Un ritrovamento di rifiuti a Cassano - foto d'archivio

Sta facendo discutere la lettera postata dal sindaco di Cassano Magnago, Pietro Ottaviani, su un tema controverso dei nostri tempi: l'abbandono dei rifiuti. Lettera che contiene un grazie a chi fa le cose per bene e che richiama gli incivili. Ma soprattutto, invita ciascuno a diventare "controllore ambientale". A voltarsi, cioè, se vede compiere atti illeciti e dannosi.

«Intendo esprimere un vivo ringraziamento a tutti coloro che adottano delle buone prassi nella gestione dei rifiuti e, in questo modo, collaborano al mantenimento della pulizia e del decoro della città costituendo un buon esempio da seguire - esordisce Ottaviani - Desidero anche rivolgere una forte disapprovazione a quanti abbandonano rifiuti nelle vie della città o in posti isolati provocando effetti di degrado, mettendo a rischio l’igiene e la salute di tutti, soprattutto in questo periodo epidemico».

La via principale è una corretta differenziata. Fanno male agli occhi e all'ambiente gli «abbandoni di rifiuti lungo le strade, sugli argini dei torrenti e fossati o boschi - osserva - Si tratta di un fenomeno che oltre a deturpare l’ambiente e il paesaggio, genera un costo non indifferente per la collettività. La rimozione dei rifiuti ed il loro smaltimento sono a carico del Comune».

Non si può parlare di disattenzione, bensì di esplicita malafede. Veri incivili, li definisce il sindaco, che la legge punisce con 600 euro, il doppio se si tratta di materiale pericoloso. Di certo, provocano un danno ambientale ed economico. Da una parte, si rischia anche molto con «materiali inquinanti come batterie d’auto o vernici e solventi, gasolio, amianto e residui di lavorazione delle aziende, gettati in zone sensibili, ad esempio caratterizzate da falde acquifere non troppo profonde». Poi c'è il costo di bonifica, perché rimuovere quei rifiuti implica spese, e pesanti, che alla fine ricadono sui cittadini. 

«Comune, Polizia Locale e Sieco fanno la loro parte, ma è necessario che ciascuno di noi adotti comportamenti corretti - rimarca il sindaco - Non solo.

È necessario diventare dei “controllori ambientali”, evitando di girarci dall’altra parte quando qualcuno trasforma in discariche a cielo aperto i luoghi nei quali viviamo. Farete un favore all’ambiente ma anche alle …vostre tasche. Se vedete qualcuno nell’atto di abbandonare i rifiuti informate tempestivamente le autorità competenti. L’omertà favorisce solamente gli incivili, abili a riversare sugli altri il loro costo sociale».

Intanto il Comune sta svolgendo i suoi controlli e provvedendo alle sanzioni. Ma i cassanesi sono invitati a collaborare: «Ognuno di noi fa la differenza!». Così si può segnalare a questi contatti: Sieco 800 677644, Comando di Polizia Locale tel. 348/2646141-348/2646142,  polizialocale@cassano-magnago.it, sindaco@cassano-magnago.it».

Ma. Lu.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore