/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 23 giugno 2022, 06:00

Martino Garavaglia debutta in consiglio a 23 anni: «Non vedo l’ora di mettermi al lavoro»

Prenderà il posto della presidente della Pro Patria Patrizia Testa. C’è un filo biancoblù che lega questo avvicendamento: Martino è infatti figlio dell’indimenticato Giovanni Garavaglia, che è stato il fotografo ufficiale dei tigrotti. «Voglio dare voce ai giovani, che non sempre vengono ascoltati», afferma

Martino Garavaglia debutta in consiglio a 23 anni: «Non vedo l’ora di mettermi al lavoro»

Sostituzione nella “squadra” della lista civica per Antonelli sindaco: a Patrizia Testa, dimessasi all’inizio della settimana, subentra Martino Garavaglia.
C’è un filo biancoblù che lega questo avvicendamento: a prendere il posto della presidente della Pro Patria è infatti il figlio dell’indimenticato Giovanni Garavaglia, “Giogara”, che è stato anche il fotografo ufficiale dei tigrotti. Una figura che i tifosi bustocchi (ma non solo) ricordano con immenso affetto.

Martino, 23 anni, diventa il più giovane consigliere dell’assise cittadina: «Non me l’aspettavo – rivela –. Speravo che Patrizia tornasse alla guida della Pro Patria, ma mi dispiace che sia stata costretta a lasciare il consiglio. Le faccio i complimenti, so quanto tenga alla società e quanto abbia lavorato bene. Lei e mio papà mi hanno fatto avvicinare alla Pro, ora tornerò a seguire la squadra con attenzione».

112 le preferenze ottenute alle elezioni dello scorso autunno da Garavaglia. Un bottino niente male per un giovane alla prima esperienza in ambito politico: «Nei mesi scorsi ho cercato di seguire l’attività del consiglio, compatibilmente con gli impegni di lavoro – racconta –. Penso che l’amministrazione abbia fatto bene, anche se è ancora presto per dare un giudizio. Da parte mia, posso assicurare che ci metterò impegno e umiltà nel rispetto di chi mi ha votato, cercando di non deludere le aspettative. E non vedo l’ora di mettermi al lavoro col sindaco Antonelli, che ha subito creduto in me, con la giunta e con i colleghi consiglieri».
Con alcuni di loro c’è stato uno scambio di messaggi negli scorsi giorni. «Tutti si sono detti disponibili a darmi una mano e li ringrazio per questo».

Per quanto riguarda i temi, per anagrafe e motivi professionali (è co-titolare di una discoteca di Legnano e collabora con un altro locale della zona), Garavaglia non può che inserire le politiche giovanili tra le sue priorità: «Voglio dare voce ai giovani, che non sempre vengono ascoltati. Io stesso, quando mi sono candidato, ho ricevuto qualche critica sui social, perché qualcuno sosteneva che non fossi abbastanza “formato” per diventare consigliere. In ogni caso, mi piacerebbe una città con ancora più eventi pensati per ragazzi e ragazze, magari comunicati tramite la digitalizzazione dei manifesti e i social».

Avrà tempo e modo per portare il suo apporto. Intanto, per impegni pregressi non potrà essere presente di persona alla seduta di martedì 29 giugno, a cui parteciperà in streaming. Per il debutto “fisico” in assise bisognerà attendere luglio.
Curioso che l’ingresso in consiglio avvenga in sostituzione di Patrizia Testa: «Nei giorni scorsi mi ha chiamato e mi ha fatto molto piacere. Ho grande stima nei suoi confronti, me ne ha sempre parlato benissimo anche mio padre. Lui aveva a cuore la città e teneva molto ai diversi eventi. Farò in modo di mettere la stessa passione per Busto nel mio lavoro da consigliere».

Riccardo Canetta

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore