/ Calcio

Calcio | 21 maggio 2022, 22:40

Notte prima dei playoff: grazie a Porro perché ci ha ridato il piacere di seguire il Varese. E grazie anche a Fausto Scarpazza

Domenica alle 16, con oltre 200 tifosi al seguito, i biancorossi provano a sbancare Casale e a conquistare la finale. «Cosa avrebbe voluto Fausto? Portare Varese in giro per il mondo e farlo insieme ai suoi amici per vivere un'altra giornata indimenticabile da raccontare come a Marassi, a Figline, a Cremona, a Benevento»

Notte prima dei playoff: grazie a Porro perché ci ha ridato il piacere di seguire il Varese. E grazie anche a Fausto Scarpazza

Prima t'imbatti nel video motivazionale del Casale (clicca QUI), in cui i giocatori nerostellati escono dagli spogliatoi con espressione da Maori - mentre capitan Martin Malaury si sistema la fascia prima della battaglia - e chiedono ai tifosi "Noi ci siamo. E tu?", e pensi di essere di fronte a qualcuno che sa trascinare la città e considera il pubblico non qualcosa di "accessorio" ma l'uomo in più, piccole grandi cose, e non dettagli, che in una semifinale a 34 gradi tra due squadre forti alla fine possono anche fare la differenza.

Poi passi davanti allo stadio e allo striscione della curva "Tutti in trasferta" (saranno oltre 200 i cuori biancorossi al Natale Palli, parecchi in tribuna: i tagliandi di questo settore sono acquistabili anche domani al botteghino), ripensi alla capacità di unirsi e di fare la differenza in queste gare sia della tifoseria che della maglia, e soprattutto alla forma del gruppo e degli uomini chiave Disabato, finalmente dietro le punte e non mediano, e Mamah (o sei vincente o non lo sei, e lui lo è con gol decisivi anche in Prima Categoria, dove giocava fino a due anni fa: bravo chi l'ha portato al Varese), oltreché Pastore, e sai che domani, comunque andrà, il Varese giocherà da Varese ed è l'unica cosa che conta.

Giocherà da Varese grazie a chi è stato decisivo nelle ultime 7 gare che hanno ripreso per i capelli i playoff e ridato linfa al legame con il pubblico e con il modo di essere, garibaldino e incosciente, di questa squadra: Gianluca Porro. Qualunque cosa succeda domani, noi diremo comunque "grazie" al tecnico arrivato dal basso per averci ridato la voglia di crederci e di venire a vedere il Varese - cosa che facevamo anche prima, ma senza alcun entusiasmo, per dovere e non per piacere - con la sua tuta e la sua maglietta operaia, con la sua "complicità" nei confronti dei giocatori, con la sua normalità nel mettere sempre in campo chi è più forma (vedi Pastore) o i varesini che, quando sei sullo striscione del traguardo, danno comunque qualcosa in più di chiunque altro perché l'ultima spinta arriva da dentro. Grazie Porro: non devi dimostrarci nulla perché sappiamo che sarai te stesso fino alla fine, come lo eri dietro ai riflettori e lo sarai dopodomani, qualunque cosa accada.

Neppure i tifosi biancorossi cambieranno dopodomani, e fanno bene a restare come sono, B, D, C, Eccellenza o Terza categoria: duri e tosti ma capaci di slanci unici e di mettere davanti il Varese a se stessi, soffrendo anche pene atroci con dignità, orgoglio e appartenenza.

Sono-siamo fatti così, come ci ricorda il miglior amico di Fausto Scarpazza, dedicandogli la trasferta a Casale e un video struggente nel giorno in cui nacque, cioè ieri (clicca QUI), oltre al valore più prezioso del Varese: «Cosa avrebbe voluto Fausto oggi? Forse la vittoria è l'ultima cosa, avrebbe voluto stare con i suoi amici di sempre per vivere un'altra giornata indimenticabile da raccontare come a Marassi, a Figline, a Cremona, a Benevento e in tante altre trasferte vissute insieme, dove la partita era solo la ciliegina sulla torta. Fausto voleva portare Varese in giro per il mondo e portarlo con i suoi amici». In queste parole di Beppe Marangon c'è Fausto, c'è un tifoso di questo club, ci siamo noi e voi che domani saremo lì, fino alla fine, disperatamente accanto al Varese.

Andrea Confalonieri


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore