/ Calcio

Calcio | 08 maggio 2022, 08:58

Stefano Capozucca: «Al Varese le persone fanno la differenza. Ho nel cuore Ricky Sogliano, Claudio Milanese e Pierre Miglierina. Pavo-gol vi saluta...»

Il ds del Cagliari ricorda gli anni nella Città Giardino e dice la sua, come sempre senza giri di parole, sull'Italia e sui giovani ma anche sui talenti che ha lanciato: «Agli azzurri è mancato il rigorista. Serve un limite agli stranieri nelle squadre Primavera, vanno copiati il modello Atalanta e la "scuola" di Gasperini. In bocca al lupo ai biancorossi»

Stefano Capozucca: «Al Varese le persone fanno la differenza. Ho nel cuore Ricky Sogliano, Claudio Milanese e Pierre Miglierina. Pavo-gol vi saluta...»

«Riccardo Sogliano è il mio padre calcistico. Con Claudio Milanese nacque subito un rapporto unico. Pierre Miglierina da Brebbia, che se ne è andato troppo presto, è per me emblema di generosità e passione: sono persone così che fanno gruppo e mettono armonia. Staccava dalla sua azienda il venerdì sera e prendeva l'area per raggiungermi a Terni: aveva una luce particolare negli occhi...»: parole di Stefano Capozucca, direttore a Varese nell'era di Claudio Milanese che condusse i biancorossi a un passo dalla serie B nel 2000, dopo essere partito dai dilettanti.

Nato il 1° gennaio 1955 a Roma, lombardo di adozione, Capozucca è l'attuale direttore sportivo del Cagliari. Iniziò da giovanissimo difensore nel vivaio del Monza, arrivando sino alle serie C, prima di passare a Derthona e Biellese "toccando" subito il Varese, dove non potè esordire solo per un problema fisico. Il destino, però, lo riportò sotto il Sacro Monte dopo ottime esperienze a Corsico e Pro Patria: grande direttore sportivo degli anni Novanta, con quella rinascita partita dai dilettanti, due coppe Italia e la scalata alla serie B conclusa nella fatal Cittadella. Capozucca passò poi a Ternana, Genoa e, dal 2015, al Cagliari.

Direttore, ricordi di Varese?
Periodo splendido. Ho incontrato due persone importanti per la mia carriera che con i loro insegnamenti mi hanno dato molto: porto nel cuore l’amicizia e i suggerimenti di Riccardo Sogliano che ritengo tuttora il mio padre calcistico. Non potrò inoltre mai scordare i momenti indimenticabili vissuti con Claudio Milanese, con cui nacque un rapporto molto speciale. A Varese ho conosciuto anche una persona straordinaria e generosa come Pierangelo Miglierina di Brebbia con cui ho condiviso esperienze bellissime, soprattutto a Terni.

Come ha fatto a conoscere il Pierre brebbiese?
Merito di amici comuni: accadde durante un incontro in un campetto di provincia. Da lì nacque un'amicizia straordinaria. Era un generoso, appassionato di calcio e tifoso del Varese, faceva gruppo e creava armonia nei ritiri pre partita. Quando gli proposi di venire con me a Terni, si mise a disposizione. Lavorava come imprenditore nella sua azienda sino al venerdì sera, poi prendeva l'aereo e mi raggiungeva in mezzo ai calciatori della Ternana. Rivedo ancora brillare i suoi occhi... purtroppo una brutta malattia lo ha portato via troppo presto. Per me è stato veramente durissimo.

Ha valorizzato miriadi di calciatori: a quali di questi è particolarmente legato?
Valorizzare talenti dà grande soddisfazione ed è la parte più bella della mia professione. Ho avuto soddisfazioni da Marco Borriello, Domenico Criscito, Mattia Perin, Stephan El Shaarawy e Thiago Motta a cui mi sono particolarmente legato per il suo carattere e per l'empatia.

Ci racconta il legame con Mario Beretta?
C'è una grande amicizia da sempre, nata ai tempi delle giovanili al Monza: abbiamo spesso collaborato. Grande allenatore e dirigente, persona molto preparata, ha sempre fatto bene anche quando è stato chiamato in situazioni difficili e complicate, cioè spesso: il suo carisma fa la differenza.

Si dice sempre di incentivare i settori giovanili quando la Nazionale delude: cosa ne pensa?
Liquido questa domanda dicendo che agli azzurri è mancato il rigorista. In generale è certamente vero che bisogna dare più spazio ai giovani, avere il coraggio di farli giocare e dare loro fiducia. La mia idea resta comunque quella di mettere un limite di stranieri nelle squadre Primavera: bisogna copiare il modello Atalanta e la scuola di Gasperini.

Cosa può dirci della sua esperienza con il Cagliari?
Il Cagliari è considerato dai sardi una parte del loro cuore, c’è un affetto particolare e unico da parte dei tifosi. Nei bar è sempre presente la foto della formazione attuale, quella storica che ha vinto lo scudetto e quella del grande Gigi Riva. Tutto ciò fa parte della storia indelebili dei sardi.

Pavoletti da grande centravanti fece sognare la A ai tifosi del Varese...
Pavo lo conosco da tempo: è un grande ed è legato ai biancorossi. Approfitto di questa occasione per portare i suoi saluti a tutta la tifoseria e mandare un grande in bocca al lupo al Varese.

Claudio Ferretti


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore