/ Gallarate

Gallarate | 05 maggio 2022, 15:01

Gallarate, licei di viale dei Tigli: il dolore composto per Giulia Maja

Attivato il servizio di supporto psicologico per affrontare un lutto inaspettato. Ma anche tanta riservatezza, nel momento della sofferenza e della perdita

Il Liceo scientifico di viale dei Tigli, Gallarate

Il Liceo scientifico di viale dei Tigli, Gallarate

La foto di una rosa dai colori delicati e un messaggio. Più che un necrologio, una dedica. Poche parole che dicono tanto: «La Comunità dei Licei di Viale dei Tigli, con cuore straziato dal dolore, ti stringe a sé nel ricordo di una studentessa amata e apprezzata. Il tuo prematuro venir meno ci lascia attoniti e increduli, imponendoci un doveroso silenzio per riflettere sul valore della vita e sulla preziosità delle relazioni umane. Con affetto, i tuoi compagni e insegnanti della 2G e tutta la comunità dei licei di viale dei Tigli».

Testo e immagine pubblicati sul sito della scuola. Classe seconda, tradotto: ragazze e ragazzi di 15 o 16 anni costretti a misurarsi con un lutto tremendo, innaturale, quello per Giulia Maja, compagna di classe e di scuola. Famiglie e docenti chiamati a incontrarli, gli studenti. Il liceo, come tante altre scuole superiori,  si avvale di un servizio di supporto psicologico. Immediata l’attivazione. Sconvolti gli studenti, sconvolti i professori. Ci sarà tanto lavoro da fare per recuperare, per sconfiggere dolore e disorientamento.

Passando davanti al liceo, nella tarda mattinata di oggi, 5 maggio, il "Day after", vedi che è tutto lì, come sempre. Le auto e i motorini parcheggiati, il brusio proveniente dalle aule. I tigli ombreggiano la strada, in attesa di coprire con le loro chiome le persone, il dolore, l’affetto, lo sgomento. E poi, col tempo, la reazione, la vita che deve continuare. Il ricordo. «Ti stringe a sé» è stato  scritto. È la scuola, a farlo. Quell’insieme di persone, relazioni, sguardi, prospettive, progetti che è tumultuoso e pieno di promesse. Con compostezza e partecipazione, i licei salutano. Abbracciano. E certamente ricorderanno.

Stefano Tosi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore