/ Cronaca

Cronaca | 04 maggio 2022, 18:03

Omicidio di Samarate, il ragazzo operato al Circolo: è stabile, ma gravissimo

Nicolò Maja, il 23enne superstite alla strage compiuta dal padre che ha ucciso moglie e figlia, lotta nel reparto di Rianimazione dell'ospedale di Varese. Ha lesioni craniche molto severe ma i medici sono riusciti a stabilizzarlo

L'ingresso della villetta di via Torino dove è avvenuto il duplice omicidio

L'ingresso della villetta di via Torino dove è avvenuto il duplice omicidio

E' stato sottoposto a un lungo e complesso intervento chirurgico Nicolò Maja, il ragazzo di 23 anni ferito a martellate dal padre all'alba di oggi a Samarate. Un raptus nel quale l'uomo - Alessandro Maja, 57 anni - ha ucciso la moglie Stefania Pivetta e la figlia sedicenne, Giulia (leggi QUI la cronaca e la ricostruzione). 

Il giovane nella mattinata di oggi era stato trasportato con l'elisoccorso all'ospedale di Circolo di Varese con un grave trauma cranico. Una volta ricoverato in Rianimazione è stato operato nel tentativo di ridurre l'effetto dei traumi alla testa. Le sue condizioni sono definite stabili, ma restano gravissime a causa delle lesioni craniche molto severe riportate.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore