/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 19 marzo 2022, 19:58

«Benvenuti a Busto, piccoli amici ucraini. Ora siete al sicuro»

Missione di Aubam compiuta: ecco l’autobus dalla cittadina polacca di Medyca ai confini con l’Ucraina con 34 tra bimbi e mamme. In città presto si potrebbe arrivare a 200 profughi accolti

«Benvenuti a Busto, piccoli amici ucraini. Ora siete al sicuro»

Sono stanchissimi, ma contenti di essere al sicuro, di avere un pasto caldo e un tetto sotto cui stare. È stato puntualissimo l’autobus che ha portato in salvo i profughi ucraini che troveranno ospitalità nelle famiglie di Busto Arsizio e paesi vicini. L’arrivo era previsto per le 17, ma già alle 16.45 il pullman sfrecciava davanti a villa Calcaterra per portare le donne e i bambini in uno spiazzo poco distante dalla villa di via Magenta dove tre infermiere li attendevano per il tampone (due sono risultati positivi).

Sono 34 le persone arrivate a Busto Arsizio, soprattutto bambini, per lo più mamme con uno o due figli, una nonna. Ad accoglierle il sindaco Emanuele Antonelli. Aubam aveva organizzato tutto nel dettaglio: un pullman e un pulmino navetta utile laddove i mezzi più grossi non potevano accedere. Sono partiti da Busto giovedì e dopo aver attraversato il Tarvisio, l’Austria, Vienna, la repubblica Ceca, sono giunti a Medyca in Polonia, ai confini con l’Ucraina.

Mille e settecento chilometri. «I profughi sono riusciti a raggiungere questa città partendo da località limitrofe a Kiev con mezzi propri, chi in treno, chi in auto. Con sé hanno portato un trolley e le cose di prima necessità. Qui c’erano cordoni di polizia armata, Croce rossa, protezione civile – spiega il vicepresidente Aubam Massimo Ripamonti – Abbiamo lasciato Medyca ieri sera  alle 19.40». A recuperare gli ucraini oltre ai volontari Aubam c’erano due volontari della protezione civile e una donna ucraina medico».

Applaudito l’arrivo. A prendere la parola, il presidente Aubam Antonio Tosi: «Continueremo nella nostra missione di conoscere nuove famiglie e aiutare il nostro futuro, i bambini. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutato a realizzare questo sogno. Doveroso un piccolo gesto per gli autisti che hanno avuto nelle loro mani il volante e la vita di queste persone. Siete stati delle colombe della pace, quindi vi abbiamo offerto delle colombe. Mi piace ricordare questa frase: “Non vi fu mai una guerra buona, una pace cattiva”. Auguri a tutti i papà».

GUARDA IL VIDEO

Parole di ringraziamento alle famiglie e ai volontari che hanno recuperato i profughi anche da parte del sindaco: «Siete un tesoro per Busto Arsizio. State facendo una cosa meravigliosa. Il Comune c’è, l’amministrazione c’è. Qualsiasi cosa abbiate bisogno chiamateci. Cerchiamo di offrire a queste persone un pizzico di serenità. Se la meritano proprio. Occorre far dimenticare loro quanto hanno passato e speriamo che riescano a tornare nella loro terra, liberi».

I 34 ucraini arrivati a Busto Arsizio si aggiungono agli 84 dichiarati ai Servizi sociali, di cui 47 minori, ma la cifra potrebbe anche salire: probabilmente si parla di circa 200 ucraini arrivati in città.  Quindici sono stati ospitati nella casa don Lolo, 4 in un appartamento del comune in via Tito Speri e 16 all’oratorio di San Giuseppe. I servizi sociali si stanno attivando per organizzare corsi d’italiano con la cooperativa “Passaparola”, attività con gli oratori, scout, centri sportivi e le scuole. 

GUARDA IL VIDEO

 

Laura Vignati

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore