/ Eventi

Eventi | 08 febbraio 2022, 11:00

Punto sull'arte: quattro artiste per “Fun 4 Kids”

Sabato 12 febbraio il vernissage della mostra “Fun 4 Kids”, quattro artiste che puntano lo sguardo sull’infanzia e sul gioco. Protagoniste le pittrici Sabrina Milazzo e Claudia Giraudo, e due scultrici, Valeria Vaccaro e Lene Kilde, norvegese per la prima volta in Italia esordisce con questo evento nella galleria varesina di viale Sant'Antonio. Previsto un catalogo bilingue

Punto sull'arte: quattro artiste per “Fun 4 Kids”

Il primo appuntamento dell’anno alla galleria “Punto sull'arte” di viale Sant'Antonio a Varese è una mostra lieve: “Fun 4 Kids”. Un poker di artiste che vuole puntare lo sguardo sull’infanzia, sul gioco e su quelli che sono a tutti gli effetti gli attrezzi di lavoro di un bambino, quelli con cui costruisce la propria identità. Protagoniste due pittrici, Sabrina Milazzo e Claudia Giraudo, e due scultrici, Valeria Vaccaro e la norvegese Lene Kilde, quest’ultima, per la prima volta in Italia, esordisce con questo evento nella galleria varesina.

Il vernissage della mostra si terrà sabato 12 febbraio dalle 17 alle 19 nella sede di viale Sant’Antonio 59/61 e tutte le artiste saranno presenti in galleria. Alle ore 18 la curatrice della mostra Alessandra Redaelli presenterà al pubblico l’essenza della mostra. L'esposizione resterà poi aperta fino al 26 marzo.

Sabrina Milazzo (Torino, 1975) ci propone una nuova serie dei suoi oli su tela ad altissima risoluzione, dove i personaggi Disney che hanno nutrito l’immaginario delle ultime generazioni sembrano liquefarsi su sfondi a colori infiammati, luminosissimi, in una sorta di inquieto momento di transito tra l’età dell’innocenza e quella della consapevolezza. E il punto di equilibrio tra infanzia e adolescenza è anche il fulcro del lavoro di Claudia Giraudo (Torino, 1974), che porta in mostra una selezione dei suoi personaggi leggeri, vaghi, un po’ fatati, a volte travestiti come per una festa in maschera o come per una piroetta al circo, spesso impegnati in un misterioso colloquio con il loro animale guida. Valeria Vaccaro (Torino, 1988) torna in galleria con una nuova serie di sculture che ci incantano e ci traggono in inganno, lavori nei quali nulla è come sembra e dove la preziosità del marmo si traveste nella semplicità del legno per poi mimare una combustione, simbolo della costante trasformazione del reale. Anche qui protagonisti sono giocattoli ormai entrati nella storia, come il sottile Pinocchio snodabile che tutti noi almeno una volta abbiamo preso in mano o come le sagome di animali in cartone con cui inventavamo nella nostra cameretta piccoli zoo; e poi ci sono le matite colorate con cui i bambini disegnano i loro sogni. Infine per la scultrice norvegese Lene Kilde (Rælingen, Norvegia, 1981), al suo esordio da “Punto sull'arte”, il giocattolo non è il protagonista della storia, ma un accessorio nelle mani di un bambino che lei ci racconta per dettagli: senza viso, ma con i piccoli piedi ben piantati in terra e la manina saldamente afferrata all’oggetto delle sue attenzioni. Realizzate in maglia metallica e calcestruzzo, particolarmente affascinanti per il contrasto che si crea tra le parti visibili – estremamente realistiche – e quelle invisibili, le sculture di Kilde sono leggere come disegni appena schizzati sul foglio, sognanti, vagamente malinconiche.

Un catalogo bilingue con la riproduzione delle opere esposte e il testo di Alessandra Redaelli sarà realizzato da “Punto sull'arte”.

Per una visita più completa i visitatori sono inoltre invitati a portare un paio di auricolari e lo smartphone in modo da poter accedere al materiale audiovisivo creato per la mostra tramite QR code.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore