/ Attualità

Attualità | 22 gennaio 2022, 19:31

"Non mollare Gigi": il flashmob partito da Torino arriva in tutta Italia

Rilanciato anche da Radio Deejay, l'evento ha fatto risuonare la sua hit "L'amour Toujours" sul web e in tutte le città del nostro Paese. Nel villaggio di Mirafiori dove è cresciuto allestita una consolle per un piccolo concerto

In foto, il flashmob a Mirafiori

In foto, il flashmob a Mirafiori

"L'Amour Toujours" suonato a tutto volume per farsi sentire e sostenere Gigi d'Agostino dai social al Villaggio di Mirafiori dove il dj torinese è cresciuto. 

Sulla rete e in tutte le città, con il pianoforte o con il violino, in gruppo o da soli. I fan di tutta Italia hanno aderito in forze al flashmob organizzato questo pomeriggio con l'hashtag #gigitoujours.

"Forza Maestro", "Non mollare Gigi", "Dai Capitano", sono alcune delle frasi di affetto e vicinanza che hanno accompagnato video, remix e piccoli concerti.

Concerti quello che si è tenuto proprio a Mirafiori. Luci dei telefoni accesi, una consolle e un "altro capitano" ai piatti: e dai palazzi alla strada, tutti a cantare una hit che ha fatto ballare generazioni di giovani. 

Partita da Torino alle 18, l'iniziativa si è estesa a tutto lo stivale, trasmesso dalle radio locali e arrivando a essere rilanciata anche da Radio Deejay durante il programma di Alessandro Cattelan. 

Gigi d'Agostino, il dj che è arrivato al successo partendo dalla discoteca l'Ultimo Impero di Airasca, oggi è afflitto da un grave male che a gennaio 2022 lo ha costretto a camminare con il deambulatore. L'artista non ha voluto rivelare di che malattia si tratta, ma da diverso tempo combatte la sua battaglia. 

"Spero che questo nuovo anno mi doni un po di pace e di forza" ha scritto nel suo ultimo post. Forza che i fan sperano di avergli dato con questo flashmob diffuso.

Chiara Gallo da Torinoggi.it

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore