/ Cronaca

Cronaca | 24 settembre 2021, 16:34

Aggredì con minacce e insulti due controllori di Autolinee Varesine: per l'esagitato arrivano condanna e risarcimento

L'episodio era avvenuto sulla linea E dopo che una famiglia era stata trovata senza biglietto da due verificatori dell'azienda. Ora la Corte d'Appello ha ribaltato il verdetto condannando l'uomo a 6 mesi per minacce e a 500 euro di risarcimento

Un autobus della linea urbana E (foto generica dalla pagina Facebook di Autolinee Varesine)

Un autobus della linea urbana E (foto generica dalla pagina Facebook di Autolinee Varesine)

Si è conclusa pochi giorni fa, presso la Corte d’Appello di Milano, una lunga vicenda giudiziaria derivante da un episodio avvenuto a bordo di un bus urbano a Varese.

In una sera dell’estate 2016, sulla linea E, due verificatori di Autolinee Varesine fermarono un’intera famiglia di tre persone senza alcun titolo di viaggio valido. «La reazione del padre fu molto aggressiva - si legge nella ricostruzione resa nota da Autolinee Varesine - sin dalle prime richieste di un documento di identità per compilare la sanzione; i controllori furono immediatamente ingiuriati, con una lunga serie di minacce di aggressioni fisiche, insulti di ogni genere e offese reiterate, sino ad arrivare all’interruzione della corsa a causa della situazione ormai pericolosa».

Dopo un’assoluzione in primo grado, il verdetto è stato dunque ribaltato in Appello e il soggetto è stato condannato a 6 mesi di reclusione con la condizionale per minacce e resistenza al personale dell’azienda, oltre ad un risarcimento pecuniario di 500 euro e al pagamento delle spese processuali. Un secondo filone del procedimento riguarderà invece l’interruzione di pubblico servizio, che ha provocato un danno anche ad altri utenti.

Autolinee Varesine esprime «grande soddisfazione per questo verdetto, che è l’ennesima sentenza di condanna nei confronti di qualche soggetto autore di aggressioni fisiche o verbali ai danni dei verificatori aziendali, i quali hanno oltretutto la qualifica di pubblici ufficiali»

«Trovarsi uno strascico processuale - concludono dalla società di trasporti - per un biglietto che costa 1.40 Euro (o poco di più, sulle linee extraurbane) non è certamente logico, perciò il consiglio di buon senso, qualora ci si trovi sprovvisti di titolo di viaggio, è sempre quello di essere assolutamente collaborativi con i controllori, al fine di evitare queste spiacevoli conseguenze giudiziarie».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore