Elezioni comune di Varese

 / Territorio

Territorio | 05 agosto 2021, 10:02

Lavena Ponte Tresa, rientrato nell'alveo il torrente Pianazzo esondato ieri per il maltempo

Ci sono volute 5 ore di lavoro, intervenendo anche in un giardino privato, per fare tornare al suo posto il corso d'acqua straripato ieri pomeriggio con conseguenti allagamenti di case, cantine e strade. Colpite in particolare via Prada e via Concordia

Foto da Facebook

Foto da Facebook

Ci sono volute più di 5 ore di lavoro a Lavena Ponte Tresa per far rientrare nel suo alveo il Pianazzo, il torrente che attraversa il paese e che esondando ieri pomeriggio a causa delle piogge torrenziali ha allagato case, cantine e strade, in particolare via Prada e via Concordia.

«E' stato necessario intervenire in un giardino privato e su via Concordia e via Prada per "riaprire" due camerette purtroppo fino a oggi non ispezionabili in quanto sotto il piano di campagna» spiega il sindaco Massimo Mastromarino. Sul posto anche il vicesindaco Pasqualino d'Agostino, l'assessore Giuseppe Pellegrino el'ufficio tecnico comunale a coordinare i lavori delle ditte che hanno operato in condizioni non facili. 

«Aver interrato i corsi d’acqua, sicuramente in buona fede e in questo caso senza possibilità di ispezione immediata dei cambi di quota o di direzione, si è rivelata una scelta sbagliata, soprattutto oggi di fronte a repentini cambiamenti climatici» aggiunge il primo cittadino. Scelte che risalgono agli anni 70; il Pianazzo passa da una sezione a cielo aperto di 3 mq a una sezione intubata da 0,20 mq. 

Un problema che si trascina da anni. «Agli inizi degli anni 90 è stato ipotizzato un canale scolmatore che devii la piena, come quella di ieri, del Pianazzo a monte, prima dell’incrocio con via Ardena, trasversalmente verso il Lavena - spiega Mastromarino - questa opera, del valore di 150.000 euro circa, è rimasta ferma per anni per diverse amministrazioni. Nel 2019 siamo riusciti a far ripartire un accordo di programma che prevede la sua realizzazione. Il proponente, ha depositato a metà luglio la fideiussione a garanzia dell’opera, che in autunno potrebbe finalmente vedere dopo quasi 30 anni l’inizio lavori». 

 

M. Fon.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore