/ Politica

Politica | 01 aprile 2021, 09:00

Malerba (Italia Viva Varese): «Approvato l'emendamento per maggiori contributi alle scuole paritarie»

Stanziamento di 100mila euro alle scuole paritarie duramente colpite dalla situazione sanitaria: così il contributo comunale torna al valore della stagione 2019/2020

Malerba (Italia Viva Varese): «Approvato l'emendamento per maggiori contributi alle scuole paritarie»

Riceviamo e pubblichiamo la nota di Stefano Malerba (Italia Viva) sulla mozione presentata dal gruppo Italia Viva in consiglio comunale.

Nel consiglio comunale del 30 marzo è passata una mozione che destina circa 100mila euro alle scuole paritarie duramente colpite dalla situazione sanitaria, riportando il contributo comunale al valore della stagione 2019/2020 pur in presenza di un numero di iscritti inferiori per l’anno 2020/2021. Questa è stata una battaglia ed una vittoria unicamente del gruppo di Italia Viva.

Per fare un po’ di chiarezza, all’odg era presente la mozione in oggetto presentata dai consiglieri di IV Giuseppe Pullara e Stefano Malerba. Il parere della Giunta e’ negativo. Viene presentato un emendamento dal consigliere Pepe del Pd che accorda di destinare i fondi aggiuntivi, ma limitatamente all’anno 2020/2021 rimandando l’eventuale stanziamento per l’anno 2021/2022 ad un incontro tra le parti a settembre 2021 per meglio valutare il numero effettivo di iscritti.

Il non accettare l’emendamento avrebbe causato, visto il parere contrario dell’Assessore competente un voto contrario da parte della maggioranza con il risultato che la mozione sarebbe stata bocciata e le scuole paritarie non avrebbero potuto beneficiare neppure dell’aiuto per il 2020/2021. Per questo motivo Italia Viva lo ha accettato.

Ieri sera in consiglio si è consumato il solito teatrino della politica che è così distante dai problemi delle persone reali. Tutti tranne Italia Viva avrebbero per motivi di partito e politici affossato la mozione. La maggioranza pronta a bocciare la mozione se non avessimo accettato il loro emendamento, la minoranza che con un voto di astensione compatto ha pensato più al suo posizionamento politico che al bene delle scuole. Noi di Italia Viva continuiamo a credere che la politica sia servizio, risolvere i problemi delle persone piuttosto che complicarli, pensare a lavorare per il bene comune, fregandocene di sondaggi e logiche politiche.

Il risultato non è quello sperato, ma per intanto per l’anno scolastico in corso abbiamo contribuito a risolvere parte del problema. Saremo guardiani che a settembre venga dato corso all’impegno preso. Sempre attenti ai bisogni delle persone e meno alle logiche di una politica stanca e svogliata. Nel nostro piccolo siamo felici che questa battaglia di Italia Viva a Varese sia giunta felicemente in porto mentre a Roma passava l’Assegno Unico e Universale di 250 euro a figlio, battaglia di Italia Viva e della ministra Bonetti. Questa è la politica della concretezza e dell’attenzione a famiglie e figli di Italia Viva.  

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore