/ Varese

Varese | 18 marzo 2021, 14:44

L'idea di quattro ragazzi varesini è arrivata in vetta: «Grazie a chi ci ha sostenuto abbiamo aiutato ospedali e ambiente»

Pietro, Filippo, Claudio e Noemi hanno tagliato il traguardo di un anno di vita con i loro capi di "One meter away" ecosostenibili e capaci di aiutare i nostri ospedali: per celebrare quest'impresa tutta varesina fatta di idee, passione e bravura hanno pensato a una maglietta con tutti i nomi delle oltre 900 persone cha hanno scalato la montagna con loro

Filippo Bertoglio, Noemi Brianza, Claudio Rovera e Pietro Borghi (foto scattata prima dell'emergenza Covid-19)

Filippo Bertoglio, Noemi Brianza, Claudio Rovera e Pietro Borghi (foto scattata prima dell'emergenza Covid-19)

"E' passato un anno. Una montagna di grazie a tutti voi che ci avete supportato": un'iniziativa e un brand nati dal coraggio di un gruppo di ragazzi varesini ha tagliato un anno di vita, il più difficile per tutti a causa della pandemia che ha, però, anche rappresentato un'occasione per fare qualcosa di nuovo, di bello, di giovane, di sostenibile e soprattutto di cuore nato dall'unione di idee, passione e lavoro del ventitreenne Pietro Borghi (attaccante dei Mastini dell'hockey), di Filippo Bertoglio, 24 anni di Vedano, Claudio Rovera e Noemi Brianza, entrambi ventitreenni di Morazzone.

I ragazzi di "One meter away" (clicca qui per entrare nel loro sito), capaci di produrre magliette e prodotti ecosostenibili e poi di commerciarli in tutta Italia (i capi venduti sono stati più di 900), facendo diventare la loro sfida anche un lavoro, vogliono ora dire grazie a tutti, con il loro stile unico e sempre un passo avanti che ha permesso di dedicare il 100% del ricavato allo sviluppo di un’economia circolare, che fa bene a tutti: una parte viene donata in beneficenza agli ospedali (il totale di questi aiuti supera i 10 mila euro), la restante è reinvestita per lo sviluppo di una "catena" completamente sostenibile, in aiuto al pianeta.

Pietro e i suoi amici-"colleghi" hanno dunque prodotto e messo sul mercato per un periodo limitato una maglietta simbolica con la scritta "please stand one meter away" con il cielo e il sole nel disegno raffigurato composto dal nome di ogni persona che ha compiuto un acquisto (foto sotto nella gallery) durante questo loro primo anno di vita. Un bellissimo modo per ringraziare chi ha avuto fiducia dal giorno zero e ha permesso, come dicono i ragazzi, di «iniziare il nostro percorso verso la continua ricerca della sostenibilità sociale ed ambientale».

«Abbiamo puntato su qualcosa di allegro e chiaro, in modo che trasmettesse in qualche modo un segno di positività - ci raccontano - dopo un anno dal lancio della prima maglietta. Abbiamo inserito come elemento grafico una montagna, simbolo del percorso tortuoso e difficile che abbiamo affrontato per arrivare fino a qui, e con quel pallido sole che ci ricorda che la luce in fondo al tunnel, forse, si inizia a vedere. La montagna l'abbiamo anche "ripresa" per simboleggiare il nostro ringraziamento verso tutte le persone che ci hanno supportato, inserendo sul sito il copy "una montagna di grazie a tutti voi"».

Ovviamente, ordinando anche questa t-shirt (la spedizione è gratuita), parte del ricavato verrà devoluto in beneficenza agli ospedali del territorio: l'impatto del tessuto utilizzato (100% cotone organico con stampe sostenibili certificate), e anche qui sta la forza di questa "squadra" davvero unica, permetterà di risparmiare - rispetto a una maglietta in cotone standard - il 40% di consumo di acqua, 1,2 km di emissioni di CO2, 1,3 m2 di terreno coltivati senza pesticidi.

Quella lista di nomi, che tra un anno magari saranno talmente numerosi da riempire tutta la maglietta, raduna la storia varesina di chi ora vuole far sapere a tutti, ma proprio a tutti coloro che hanno sostenuto questa iniziativa che il loro gesto non è rimasto inascoltato.

Ecco i messaggi più belli ricevuti da questa squadra di ragazzi davvero fortissima.

Giulio A. “Grazie ragazzi! Le vostre idee sono il nostro futuro!”

Enrico D. “Buongiorno ragazzi, vorrei solo chiedervi un piccolo sforzo: il 28 marzo sarà il compleanno di mio figlio e questo dovrebbe essere il mio regalo. Sarebbe bello se riusciste a farmelo arrivare in tempo. Grazie dell'attenzione che ci vorrete mettere.”

Antonella P. “Salve. Italiana in Belgio, anche noi in "clausura". Sono pronta a comprare la felpa per sostenere la Vs azione. Forza e coraggio a tutti dal Belgio” 

Nicoletta “Grazie per il vostro impegno, le vostre idee devono essere d'esempio per tutti i ragazzi che non stanno mettendo a frutto questo tempo che altrimenti andrà perduto.”

Andrea A. “Grande ragazzi per quello che state facendo! Però dovreste permettere (se possibile) la spedizione anche per l’estero (io mi trovo a Berlino). Spero riusciate nel vostro obiettivo! Ciao”

Luca C. “Ciao e complimenti per l’iniziativa! “andra’ tutto bene” sì ma ci vuole gente come voi che fa qualcosa! Noi siamo in quarantena in Svezia – potete spedire felpe anche qui?” 

Giuseppe F. “Cari ragazzi, innanzitutto GRAZIE e complimenti, mi sembra un'ottima idea! andrà tutto bene! anche grazie a "gesti" come questo.”

Francesca G. “Un caro saluto e buon lavoro. Spero possiate raccogliere tante donazioni per gli ospedali”

Enza “Buongiorno ragazzi, sono anch'io di Varese, prima di tutto volevo farVi le mie congratulazioni per la Vostra iniziativa anche se non vi conosco sono orgogliosa di voi. Sono contenta che siano già esauriti alcuni Vostri prodotti, rimango in attesa di un nuovo rifornimento e... avanti così tutti insieme.”

Barbara L. “Appena acquistata t-shirt per fare un regalo a distanza al mio papà 💙”

Elisabetta (da Amburgo) “Ciao ragazzi, inviate i prodotti anche all'estero? Grazie, cari saluti e...mantenete le distanze :-)”

Piero F. “Ragazzi, mi commuove la vostra iniziativa. Se potessi, acquisterei senz'altro almeno una maglietta. Purtroppo, ho 30 euro in banca e lo stipendio non si sa quando (ne se) arriverà. Un abbraccio solidale.”

Gianluca V.  “Attendiamo con piacere le t-shirt e le felpe, sperando che la donazione possa essere utile a qualcuno, in questo momento difficile.”

Maurizio G. “Ottima iniziativa che contribuirà sicuramente ad aiutare gli ospedali. Andrà tutto bene”

Carlotta “Bellissima iniziativa, bravissimi”

Domenico G. “Grazie, siete grandi!”

Raffaella N. “Grazie per la bella idea”

Andrea Confalonieri

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore