/ Storie

Storie | 26 febbraio 2021, 08:00

Alta tecnologia e strumenti futuristici, il colosso della sicurezza privata è made in Varese

La Lis di Olgiate Olona è punto di riferimento nel settore della vigilanza privata. Il direttore Andrea Ziliani: «La vecchia guardia notturna è superata, oggi con i sensori all'avanguardia e termocamere individuiamo ogni movimento sospetto e possiamo immediatamente allertare le forze dell'ordine»

La centrale operativa della Lis a Olgiate Olona

La centrale operativa della Lis a Olgiate Olona

Gli occhi che tengono al sicuro le nostre case sono varesini. Una delle aziende di vigilanza più importanti e famose in Lombardia e nel nostro Paese è la Lis di Olgiate Olona. A guidarci all'interno di un gruppo leader e all'avanguardia nel settore è Andrea Ziliani, amministratore e direttore generale dell'azienda del Varesotto che tutti non possono non notare percorrendo l'Autolaghi in direzione Milano. E' lui, insieme al padre Francesco e all'amministratore delegato Damiano Roda, a gestire questo colosso della sicurezza made in Varese.

Anche di notte, la centrale operativa che coordina tutti gli interventi è infatti illuminata a giorno dai numerosi monitor della videosorveglianza costantemente sotto gli occhi degli operatori. «La vecchia guardia notturna - spiega Ziliani - che fa la ronda lasciando il bigliettino sulle saracinesche è ormai superata dalla tecnologia. Attraverso un ponte radio i nostri sensori posizionati nelle case e nelle aziende dei nostri clienti monitorano in tempo reale il percorso delle persone, segnalando ogni anomalia. Siamo in grado, attraverso degli speciali sensori, di cogliere il minimo movimento in tutti punti della proprietà, compreso il tetto. Siamo anche dotati di un sistema capace di riempire di nebbia il locale senza mettere a rischio l'incolumità delle persone e che avvisa immediatamente le forze dell'ordine, uniche deputate in questi casi a intervenire».

La domanda di questo tipo di servizio in questi ultimi tempi è cresciuta moltissimo anche a Varese. Dalle concessionarie d'auto alle ville di personaggi importanti, ad esempio nella zona del Palace, sono in tanti a richiedere questo tipo di interventi. Sfruttando la tecnologia, ad esempio attraverso l'installazione di telecamere termiche che attraverso la rilevazione della temperatura corporea riescono ad individuare le persone, distinguendole dal passaggio di altri animali. Scattata questa segnalazione si passa al controllo visivo: una volta rilevata una situazione a rischio scatta l'allarme e si interviene sul posto avvisando immediatamente le forze dell'ordine. 

«Il nostro software - continua Ziliani - è il vero valore aggiunto e gran parte degli oltre cento nostri dipendenti, tra cui ci sono anche ingegneri che realizzano i nostri impianti, provengono dalla nostra provincia. Abbiamo una trentina di addetti impiegati nella protezione in generale delle persone». «C'è fame di lavoro in questo settore - conclude Ziliani - arrivano in azienda dai 10 ai 15 curriculum al giorno di persone che si propongono per diventare nostre guardie giurate». 

A.C.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore