/ Sport

Sport | 23 febbraio 2021, 09:00

Con i suoi 148 piloti, il Rally dei Laghi 2021 è pronto è partire. L'appuntamento è per questo weekend

Grande soddisfazione degli organizzatori per l'elevato numero di partecipanti del rally moderno, storico e regolarità sport. Molti iscritti di qualità: i "forestieri" Hotz, Scattolon e Ferrarotti proveranno a prevalere sui forti locali Dipalma, De Tommaso, Spataro, Pensotti e Toia. Il Campione Italiano 2020, il varesino Andrea Crugnola, sarà tra gli apripista. Sabato 27 lo shakedown, domenica 28 febbraio la gara (chiusa al pubblico)

Con i suoi 148 piloti, il Rally dei Laghi 2021 è pronto è partire. L'appuntamento è per questo weekend

«Siamo davvero senza parole per questo successo di iscrizioni che va anche oltre le nostre più rosee aspettative. Dopo lo stop 2020 legato al Covid è un ottimo segnale di ripartenza per la nostra gara e per il territorio!». È con queste parole che il presidente dell’Asd Rally dei Laghi, Andrea Sabella, commenta entusiasta le centoquarantotto adesioni (cento del rally moderno, trentacinque dello storico e tredici della regolarità sport) pervenute alla segreteria di gara per il primo round di CRZ di Zona2, il Rally Internazionale dei Laghi che si correrà a Varese e provincia questo weekend, sabato 27 e domenica 28 febbraio.

I piloti

Un elenco di nomi importante, quello dei partecipanti, in cui ai locali si sono aggiunti piloti da fuori provincia che hanno scelto la corsa varesina come un utile test in vista del Campionato Italiano Rally ormai alle porte o di altri appuntamenti imminenti. Tra i talenti nostrani: il plurivincitore dell’IRC (e già Campione Italiano Junior) Damiano De Tommaso, fresco di firma con il team FPF, gareggerà con la Citroen C3 R5 con la quale terrà alti i colori della provincia varesina nel campionato tricolore. Il malnatese Giuseppe “Giò” Dipalma, primo nel 2018 e secondo nel 2019, proverà a vincere a bordo di una Skoda Fabia R5, stessa vettura del luinese Andrea Spataro, altro talento “made in Varese”. Sulla medesima vettura, il gallaratese Diocleziano Toia e il lavenese Filippo Pensotti, partecipanti meno assidui ma con già un Rally alle spalle, il primo con un trionfo nel 2008 (oltre a essere protagonista della Dakar), il secondo l’anno successivo.

Da fuori provincia, un tris di tutto rispetto che potrà puntare al successo: l’elvetico Gregoire Hotz, secondo assoluto nel 2015, si presenta con una C3 R5 mentre il reggiano Ivan Ferrarotti ed il pavese Giacomo Scattolon saranno a bordo di due Skoda Fabia.

In S1600, si preannuncia un bel confronto tra i valcuviani Vanni Maran, Re Barsanofio e l’ossolano Fradelizio. Croci, Lamanna, Biondo, Alfano, Antoni, Ardigò saranno invece i protagonisti della finale del monomarca riservato alle BMW Racing Start del CFB Racetech.

Anche nel novero del Rally Storico - Terza Rievocazione Rally Aci Varese, i piloti di peso non mancano. Da ammirare e rimirare la Porsche gruppo B di Pagella che contenderà il successo ad altre vetture di matrice tedesca; il pavese Matteo Musti è una vecchia conoscenza del Laghi: fu infatti vincitore nell’edizione 2003 su Renault Clio Williams. Quest’anno sarà al via su una Porsche 911 insieme alla sorella Claudia. Sempre Porsche per Azzari-Soffritti e Vasino-Melani. Interessante la partecipazione dei valcuviani Mazzetti-Landolina che sfoggeranno la loro Fiat Ritmo. Dal Piemonte attenzione a piedi caldi quali Bergo, Mano (entrambi su Toyota Celica), Magistro (Talbot Sunbeam) o Bertinotti (Opel Manta).

Nella regolarità sport i locali Palmisano e Galli schierano le loro Opel Manta mentre Sartoris la Peugeot 205; contro di loro si cimenteranno Monti (Peugeot), Varosio o il veronese Zanini (Alfa Romeo).

Apripista Vip

Tanto sono importanti i nomi degli iscritti, quanto lo è quello dell’apripista: il “gioiellino” autoctono Andrea Crugnola. Il Campione Italiano Rally assoluto nel 2020, infatti, sta ancora sciogliendo gli ultimi nodi del nuovo contratto che dovrebbe legarlo a Hyundai ma pur di non mancare all’appuntamento di casa svolgerà l’importante ruolo di apripista sulla vettura 0.

Anche gli sponsor entreranno “nel vivo” della competizione, a bordo delle vetture di servizio: Mario Magugliani (Magugliani Group) e l’amico Gianmario Gallazzi con una Subaru Impreza precederanno la carovana dei bolidi, Nando Lonati (Lonati Bagni) con Mario Serafini e Francesco Francabandiera (Euro Ceramiche) con Michele Colombo e Dario Canuto con Andrea Foletti (Concessionaria Autolaghi) tireranno le file tra una disciplina e l’altra su una Lancia Delta.

Albo d'oro

1991 Bruciamonti-Calvi (Opel Kadett Gsi A4)

1993 Maneo-Bucci (Lancia Delta HF A6)

1994 Ogliari-Zoller (Lancia Delta HF A6)

1995 Gallio-Mometti (Lancia Delta A6)

1996 Gallio-Guizzardi (Toyota Celica A6)

1997 Ogliari-Bottinelli (Lancia Delta HF A6)

1998 Re-Bariani (Renault Clio W. A7)

1999 Dissegna-Paganelli (Ford Escort Csw. A8)

2000 Ogliari-Zoller (Toyota Corolla A8)

2001 Ogliari-Zoller (Toyota Celica A8)

2002 Ogliari-Zoller (Subaru Impreza A8)

2003 Musti-Cobianchi (Renault Clio W. A7)

2004 Chentre-D’Herin (Peugeot 306 A7)

2005 Roncoroni-De Grandi (Renault Clio W.A7)

2006 Saglio-Ciamparini (Renault Clio S1600)

2007 Maran-Maran (Renault Clio W. A7)

2008 Toia-Tosetto (Grande Punto Abarth S2000)

2009 Pensotti-Maggi (Peugeot 207 S2000)

2010 Freguglia-Falzone (Peugeot 207 S2000)

2011 Gamba-Inglesi (Peugeot 207 S2000)

2012 Crugnola- Ferrara (Citroen Ds3 R3T)

2013 Freguglia-Falzone (Ford Fiesta RRC)

2014 Freguglia-Vozzo (Ford Fiesta RRC)

2015 Freguglia-Vozzo (Ford Fiesta RRC)

2016 Miele-Mometti (Ford Fiesta WRC)

2017 Crugnola-Solari (Ford Fiesta WRC)

2018 Dipalma - “Cobra” (Skoda Fabia R5)

2019 Tempestini-Itu (Hyundai i20 R5)

2020 Non disputato a causa del Covid-19

Giulia Nicora

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore