/ Economia

Economia | 11 febbraio 2021, 12:31

Aime istituisce "Officina 2023", un tavolo di confronto programmatico sul Recovery Fund

L'associazione varesina ha affidato a un gruppo di lavoro, formato da 12 professionisti del mondo accademico, manageriale e amministrativo il compito di elaborare un documento di proposte su alcuni punti cardine individuati da Aime come efficientamento, digitalizzazione, riforma fiscale , accesso al credito.

Giuseppe Albertini, presidente Aime

Giuseppe Albertini, presidente Aime

Si è svolta martedì 9 febbraio la riunione di presidenza di AIME, Associazione Imprenditori Europei, che ha approvato all’unanimità la proposta della giunta di formare un Tavolo di Confronto Programmatico sul Recovery Fund, affidando ad un gruppo di lavoro formato da 12 qualificati esponenti del mondo accademico, manageriale e amministrativo il compito di elaborare un documento di discussione e di proposte in merito ad alcuni punti cardine già individuati da AIME.

L'obiettivo è di poter meglio definire le proposte che AIME vorrà presentare su temi delicati e complessi che riguardano il futuro del nostro Paese, a contributo di quello che il nuovo Governo si accinge a rielaborare per accedere ai finanziamenti stanziati dall’Unione Europea. Sono 5 i punti focus oggetto di analisi e di elaborazione: 1) la conversione e l’efficientamento delle produzioni industriali per renderle più sicure per l’ambiente; 2) la digitalizzazione della PA e gli accorgimenti per renderla uno strumento più efficace, moderno e fluido nel rapporto tra imprese e istituzioni e tra pubblico e privato; 3) le riforme sostanziali e improrogabili del fisco e la riformulazione delle valutazioni sull’imponibile Irpef; 4) l’alleggerimento e la stabilizzazione della legislazione sui rapporti di lavoro dipendente; 5) la semplificazione dei processi creditizi e la revisione dei rapporti tra utenti e banche. Ma anche altri temi saranno oggetto di valutazione e di proposta, come la conferma per i prossimi anni dell’Ecobonus 110% e il rifinanziamento di “Industria 4.0”, misure che hanno saputo stimolare in maniera importante la domanda interna. Infine il tema scuola e formazione, sul quale è doveroso soffermarsi per l’importanza e per la complessità che lo contraddistingue e che lo rende centrale a breve, medio e lungo termine.

Su queste tematiche che saranno elaborate dal Gruppo di Lavoro, chiamato opportunamente “Officina 2023”, per dare anche un obiettivo temporale ai progetti, AIME si premurerà di sviluppare le singole proposte da portare direttamente alle Istituzioni entro il prossimo mese di marzo quale contributo per la costruzione dei singoli emendamenti parlamentari. Giuseppe Albertini, presidente AIME, dichiara: «Aime, anche durante questo periodo drammatico ha sempre agito con un approccio innovativo rispetto ad altre realtà, cercando di attivarsi con proposte e non solo con proteste, spesso inefficaci, pur mantenendo la necessaria fermezza nel denunciare ed evidenziare situazioni ritenute dannose per le Imprese e per la comunità. I diversi webinar organizzati nello scorso anno con i rappresentanti delle Istituzioni e del passato Governo, i documenti elaborati e le lettere aperte fatte pervenire puntualmente sui tavoli di competenza testimoniano la nostra coerente linea di condotta». «L'Italia si aspetta da chi ha responsabilità pubbliche e private serietà, competenza e autorevolezza, dato che in gioco c'è il destino ed il futuro di molte persone. Oggi più che mai serve unità, collaborazione e impegno di tutti per affrontare una crisi e un’emergenza che mai si sarebbe pensato di vivere».

«Per questo come associazione formuleremo una serie di proposte mirate al rilancio del sistema economico del Paese» è il commento di Gianni Lucchina, segretario generale di Aime, che aggiunge «su quanto è accaduto e sta accadendo in questi giorni a livello politico non spetta a noi come associazione entrare nel merito: a noi interessa che siano adottate tutte le opportune misure per sostenere l’economia e la salute dei cittadini, ma soprattutto che venga definito al meglio il piano di sviluppo economico e sociale per l’Italia che lasceremo ai nostri figli! Per questo cercheremo di contribuire con il massimo dello sforzo anche avvalendoci dell’aiuto di alcune delle eccellenze che il nostro territorio riserva ed esprime e che hanno accettato l’invito a questa nostra iniziativa. Persone che già da ora ringrazio per il loro contributo e per la loro disponibilità». 

Del gruppo "Officina 23" fanno parte: Silvio Aimetti, sindaco di Comerio e imprenditore, Paolo Balduzzi docente della Cattolica, Angelo Cabrele, libero professionista, Michela Ceriani collaboratore del dirigente scolastico dell'Isiss don Milani di Tradate, Gabriele Molinari, direttore di Easternational, Ivana Morlacchi, preside del Fermi di Castellanza, Mauro Pramaggiore, manager aziendale, Massimo Protasoni, insegnante, Vincenzo Salvatore, docente dell'Insubria, Angelo Senaldi ex parlamentare e manager, Ambrogina Zanzi, commercialista e Sergio Zucchetti docente della Liuc di Castellanza. 

 

 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore