/ Territorio

Territorio | 26 settembre 2020, 15:12

Doppia pista ciclopedonale per Cocquio: una di collegamento con Besozzo e Gavirate e l'altra con Caravate

Una volta terminata la realizzazione, il lago di Varese, il lago Maggiore e la Valcuvia saranno collegati. Il sindaco Centrella: «Un progetto sportivo rivoluzionario per il nostro territorio»

Doppia pista ciclopedonale per Cocquio: una di collegamento con Besozzo e Gavirate e l'altra con Caravate

Una doppia pista ciclopedonale che vede come snodo nevralgico il Comune di Cocquio Trevisago e che ha l'obiettivo finale di collegare il lago di Varese con il lago Maggiore la Valcuvia. 

E' già in corso di realizzazione il tratto di pista che dalla località Cascina Laghetti, dove già arriva l'esistente tracciato in arrivo da Gavirate, che collegherà Cocquio con Besozzo, bonificando antiche strade sterrate immerse nel verde, passando per i ruderi dell'antico mulino e proseguendo a due passi dal fiume Bardello. 

«Si sta procedendo veloci per realizzare il successivo tratto di ciclabile che, sempre immersa nel verde ritornerà in territorio cocquiese, a valle della frazione Torre fino alla frazione Medù, che verrà così rivalutata, e che poi si congiungerà al tratto esistente in Caravate con l'obiettivo di collegare Laveno e la Valcuvia al lago di Varese» spiega il sindaco Danilo Centrella.

«Siamo orgogliosi di essere parte attiva in un progetto sportivo rivoluzionario per il nostro territorio - conclude il sindaco di Cocquio - proseguiremo con il massimo delle energie nella valorizzazione di ogni preziosità del nostro paese a favore del benessere fisico e psicologico dei cittadini».  

M. Fon.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore