/ Lettere

Lettere | 30 luglio 2020, 16:13

LA LETTERA. Emanuela Crivellaro: «Da Dama Spa grande generosità verso il Ponte del Sorriso»

L'anima della Onlus convocata in Procura come persona informata sui fatti: «Quella di Andrea Dini è una famiglia generosa e molto riservata nelle donazioni che vengono elargite in un vero spirito di solidarietà. Molto hanno fatto anche per il nostro ospedale materno infantile varesino»·

LA LETTERA. Emanuela Crivellaro: «Da Dama Spa grande generosità verso il Ponte del Sorriso»

Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviataci da Emanuela Crivellaro, anima del Ponte del Sorriso Onlus, in merito all'inchiesta della Procura di Milano sulla fornitura di camici a Regione Lombardia da parte della ditta Dama Spa.

Di tutto quanto è uscito sulla vicenda in merito alla fornitura dei camici alla Regione Lombardia da parte di Dama spa, c’è un aspetto importante e non emerso, che vorrei sottolineare e che, per mia richiesta, è stato messo a verbale dalla Procura di Milano.

La famiglia di Andrea Dini è una famiglia generosa e molto riservata nelle donazioni che vengono elargite in un vero spirito di solidarietà. Il Ponte del Sorriso, che rappresento, ha da sempre beneficiato del sostegno sia di Dama spa che dei coniugi Dini, che molto hanno fatto anche per il nostro ospedale materno infantile varesino, non solo economicamente ma anche partecipando alla vita attiva della nostra fondazione.

In questo contesto si inserisce la storica relazione che Il Ponte del Sorriso ha con loro. La loro generosità non è venuta a mancare nemmeno durante il periodo COVID, quando, come altre associazioni, anche noi abbiamo cercato di aiutare i nostri ospedali nel reperimento di DPI.

Per questo motivo ho avuto quindi dei contatti durante il periodo più buio della pandemia. Dama ci aveva donato dei camici, che noi abbiamo consegnato ai nostri ospedali. Di questo la Procura di Milano, nei primissimi giorni delle indagini, ne era venuta a conoscenza, anche perché argomento largamente diffuso sui giornali locali e sui nostri canali di comunicazione. Sono quindi stata convocata quale “persona informata dei fatti” e ai magistrati ho descritto quanto era avvenuto in quei giorni difficili, situazione sulla quale intendo mantenere il più stretto riserbo.

Emanuela Crivellaro
Il Ponte del Sorriso

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore