/ Sport

Sport | 08 luglio 2020, 19:24

CALCIO. Di Sabato, Viscomi, Simonetto, Luoni e i sogni del popolo biancorosso fatti di varesinità e valori

Attendendo il nero su bianco della fusione che riporterà i biancorossi in serie D, i tifosi immaginano una squadra fatta di varesinità e attaccamento alla maglia. Ci siamo divertiti a comporre una rosa di nomi piena di radici e vicinanza alla gente. Anche raduno e prima amichevole ne terranno conto...

CALCIO. Di Sabato, Viscomi, Simonetto, Luoni e i sogni del popolo biancorosso fatti di varesinità e valori

Tra speranza e timori i tifosi biancorossi attendono pazientemente che le pratiche della fusione tra Busto 81 e Città di Varese siano completate per avere nero su bianco il ritorno della squadra del capoluogo in serie D con tanto di compagine societaria e staff. Intanto proviamo a "giocare" un po', immaginando quali giocatori potrebbero accendere la passione del pubblico in base ad alcuni criteri inderogabili: varesinità, fedeltà e valori. Per ora questo è solo un sogno, anche perché si dovranno fare i conti con chi metterà i soldi nel Città di Varese e quindi con chi avrà voce in capitolo nell'area tecnica.

Un sogno che comprende la voglia di vedere e "toccare" la squadra anche in ritiro o per la preparazione estiva (in zona lago, collina o cascate, comunque nella nostra terra) e di vederla giocare la prima amichevole in un piccolo e incantevole stadio non lontano da casa, magari in notturna.

Ecco qualche umile nome di giocatore raggiungibile, o magari irraggiungibile (tanto è un gioco...), che tiene conto di recente passato, presente e futuro del calcio biancorosso. 

Mirko Bizzi, non è un varesino ma quando ha difeso la porta biancorossa, l'ha fatto da autentico varesino: è all'Ardor Lazzate in Eccellenza, ma il Varese è il Varese.

Andrea Scapolo: classe '98, per il Varese è stato ed è sempre pronto a tutto.

Gianluca Isella: qualcuno si sorprenderà perché dalla Terza Categoria, anzi dalla Seconda, il salto in avanti può essere senza rete. Ma un portiere così una chance in rosa se la merita, e non sarebbe il solo dei suoi ex compagni.  

Filippo Boni, varesino, attualmente al Sondrio, classe '94 partito da Solbiate, approdato alla Varesina e mai tornato nella sua Varese. Svincolato. 

Matteo Simonetto, classe '96, attualmente al Pontisola: ovviamente, dovrebbe liberarsi e sentire il richiamo del Franco Ossola.

Francesco Viscomi, 28 anni, varesino acquisito, uno degli ultimi uomini-maglia, è al Foggia in serie D dove ha sfiorato la promozione dopo essere finito secondo, staccato di un solo punto dal trionfo e in odore di ripescaggio: perché non tornare tra le braccia del suo pubblico, pur dovendo fare un piccolo, grande sforzo economico?

Francesco Luoni, 32 anni, essenza biancorossa cresciuto nelle giovanili: è a Seregno ma la serie D a Masnago, con lui, sarebbe un'altra cosa.

Cesare Parini, 27 anni, stagione chiusa all'Arconatese: era nella Primavera di Tomasoni, sa cosa è il Varese ed è un titolare perfetto per la serie D. 

Donato Disabato, 30 anni, è il sogno proibito di tutti i Varese degli ultimi anni: stavolta è anche svincolato (era al Savona), come si fa a non immaginarlo finalmente in campo con i colori, la maglia e la gente della sua città?

Momo M'Zoughi, classe 2000, gioca ovunque e dà tutto: ha disputato due partite nella Caronnese nella seconda parte dell'ultima stagione ma è della Giana. Sa da dove arriva e dove può arrivare il Varese.

Luca Piraccini, 33 anni, si sente il Varese dentro: gran persona sul campo e anche fuori. Il Pira è attaccamento, polmoni, fiuto del gol.

Jonathan Broggini
, 35 anni: storico avversario ai tempi dell'Inveruno, la sua seconda pelle. Qualche tifoso biancorosso si è sempre chiesto perché un varesino con il suo istinto e la sua classe non abbia mai indossato la maglia della sua città. 

Ezio Rossi è il nome dell'allenatore uscito un po' ovunque: da grande cuore granata possiede l'indistruttibilità, la capacità di correre sotto la curva e di compiere scelte di vita, e di cuore, prima che scelte di calcio. A Peo Maroso uno così piacerebbe.

Nb: ci permettiamo di aggiungere a questi nomi quelli di due persone eccezionali come Andrea Beretta, simbolo della ripartenza e della fatica in terza categoria, e Pietro Frontini, simbolo di sempre sulla panchina biancorossa. Sarebbe bello non perdere il primo, magari unendo i valori della squadra a quelli della società, e recuperare il secondo, essenza del cuore biancorosso.

A.C.


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore