/ Territorio

Territorio | 05 marzo 2020, 15:27

Che rischi a Vedano Olona: «Troppi pedoni e ciclisti sfidano la sorte al passaggio a livello»

L'ultimo episodio questa mattina, con una donna anziana in bicicletta "sfiorata" dal convoglio in arrivo dopo aver tentato di attraversare la ferrovia a sbarre abbassate

(foto d'archivio)

(foto d'archivio)

Sbarre del passaggio a livello abbassate, ma i ciclisti continuano a sfidare la sorte passando fino a pochi istanti prima del transito del treno. Situazione di grande pericolo, che si è ripetuta anche stamattina all'altezza del passaggio a livello della stazione di Vedano Olona. Le sbarre erano abbassate eppure una donna in età non più così giovane, in sella alla bicicletta, anziché aspettare che le sbarre metalliche si alzassero ha attraversato il sedime ferroviario.

Una scena di quotidiana imprudenza alla quale hanno assistito diversi passanti. Una donna ha raccontato la vicenda anche sui social, ricordando la pericolosità di questi comportamenti. Un pericolo concreto visto che in passato si sono verificati incidenti anche gravi. Semaforo rosso accesso o peggio ancora sbarre abbassate, eppure  pedoni e ciclisti incauti troppo spesso sfidano il destino mettendo a rischio la propria vita.

Come ha raccontato un'automobilista in attesa del via libera: «Ero ferma al passaggio a livello della stazione di Vedano. A un certo punto una signora in bicicletta (avrà avuto circa 80 anni) ha abbassato la bicicletta ed è passata sotto. In quel momento si è sentito il fischio prolungato del treno che stava arrivando. Lei con tutta calma ha continuato ad attraversare i binari. Il treno si è fermato a pochi metri da lei e il macchinista del treno non ha potuto non gridare tutta la rabbia del gesto, ma quello che più mi ha fatto arrabbiare è che quando mi è passata di fianco, dopo averle detto: "Signora...ma le sembra il caso ...ci sta con la testa?" Lei con tutta calma mi ha risposto di no. E ha proseguito».

Pino Vaccaro

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore