/ Cronaca

Cronaca | 30 maggio 2024, 09:29

Sesto Calende, in manette un 18enne per spaccio di stupefacenti e tentata estorsione ad un minorenne

L'operazione dei carabinieri è avvenute nell'ambito dei controlli nella zone della "movida" nei fine settimana: i militari hanno sequestrato ad un minore due smartphone di ultima generazione di sospetta provenienza illecita. Il 18enne già noto alle forze dell'ordine si trova ora in carcere a Busto in attesa dell'interrogatorio di garanzia

Sesto Calende, in manette un 18enne per spaccio di stupefacenti e tentata estorsione ad un minorenne

I carabinieri della Stazione di Sesto Calende hanno arrestato un 18enne con l’accusa di tentata estorsione e spaccio di sostanze stupefacenti.

L’attività dei militari trae spunto proprio dai controlli espletati nell’ambito dei servizi di monitoraggio della movida estiva, che nel fine settimana vede protagonista la cittadina sestese specialmente nella zona del lungo fiume e del cosiddetto “barbonaio”. 

Durante un controllo su alcuni giovani, colti in possesso di sostanze stupefacenti, i carabinieri hanno sequestrato ad un minorenne due smartphone di ultima generazione, di sospetta provenienza illecita, su cui l’interessato in un primo momento non ha fornito alcuna giustificazione in ordine al possesso.

Col passare dei giorni, tuttavia, il minore si è dovuto rivolgere nuovamente ai carabinieri di Sesto Calende per denunciare le gravi intimidazioni subite da parte di colui che gli aveva ceduto i telefoni, un ragazzo appena maggiorenne – già noto alle forze dell’ordine – che ne pretendeva la restituzione o il pagamento del controvalore a titolo di risarcimento.

A nulla sono valse le motivazioni (legittime) addotte dalla vittima sul fatto che i telefoni fossero ormai finiti nelle mani dei carabinieri. L’aguzzino non si è fermato, pretendendo la restituzione di una somma che si aggirava tra 700 e 1.000 €, arrivando anche a fare prolungati appostamenti sotto casa della vittima.

La pervicacia dimostrata e la gravità delle minacce proferite, perpetrate in modo reiterato ed asfissiante anche nei confronti dei familiari del minore, sono state monitorate e puntualmente relazionate alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio, che ha richiesto con urgenza l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare al G.I.P..

Le indagini esperite hanno altresì permesso di far luce su diverse cessioni di sostanze stupefacenti che l’indagato avrebbe effettuato in favore della vittima e di altri soggetti, su cui sono in corso ulteriori accertamenti.

Questa volta per il diciottenne il fine settimana si è concluso in maniera diversa: dopo l’arresto è stato tradotto nel carcere di Busto Arsizio, dove resterà in attesa dell’interrogatorio di garanzia che si terrà nei prossimi giorni.    

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore