/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 20 maggio 2024, 09:59

Al Pala Chierichetti di Busto una bella vetrina per il Fourball

Il torneo interscolastico, con la partecipazioni di quattro primarie della città, è stato un bel successo oltre che un pieno di consensi per la disciplina sportiva inventata dal professore di Busto, Luciano Quattro. Alunni, docenti e pubblico hanno mostrato un vivo interesse. Madrina dell'evento, la capitana della Uyba Volley Giuditta Lualdi

Al Pala Chierichetti di Busto una bella vetrina per il Fourball

Nella mattinata di sabato 18 maggio al Pala Chierichetti di Busto Arsizio si è tenuto il torneo interscolastico di Fourball tra alunni e alunne delle 5^ elementari di quattro scuole primarie della città, Tommaseo, De Amicis (Bossi), Pascoli e Negri/Rossi con un numero totale di 64 partecipanti. Gli alunni, nei mesi scorsi, hanno studiato e praticato lo sport con i loro insegnanti di scienze motorie: Margherita Grella e Francesco Laterza, Federica Bertelli, Mattia Chiurazzi, Gioachino Fasolo aiutati da allenatori dell’Associazione sportiva dilettantistica Alto Milanese.

Il torneo all’italiana ha visto le squadre scontrarsi in partite da 12 minuti per tempo in una particolare versione dello sport definita Fourball-in con misure del campo e dimensioni della palla minori, ideale per i ragazzi e ragazze di un'età compresa tra i 9 e i 14 anni.

La grande partecipazione, l’entusiasmo dei ragazzi e del pubblico e soprattutto la loro bravura, sono state le caratteristiche del torneo.

Al termine delle partite hanno avuto luogo le premiazioni per tutti i partecipanti, alunni e docenti.

Lo sport inventato dal professor Luciano Quattro vede sfidarsi due squadre da sei giocatori l’una che hanno l'obiettivo di lanciare una palla ovale (tipo football americano) all’interno di un cerchio di 60 cm posto ad un’altezza di 3 metri, passandosi la palla all’indietro come nel rugby o lanciandola ad una mano come nel football americano eliminando però il contatto fisico tra i giocatori.

La manifestazione ha avuto come scopo la diffusione della disciplina sportiva, in particolare, nelle scuole primarie e l’insegnamento dello sport come forma educativa e di formazione soprattutto per i più piccoli. Ospite dell’evento Giuditta Lualdi, giocatrice della Uyba, che ha presentato l’operato della sua Associazione Cuore Pieno, nata per fornire borse di studio sportive ai bambini delle famiglie che non riescono a permetterselo.

La manifestazione, anche nella sua seconda edizione, è stata patrocinata dal Comune di Busto Arsizio attraverso gli assessori Daniela Cinzia Cerana e Maurizio Artusa, in collaborazione con Asd Alto Milanese.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore