/ Economia

Economia | 09 febbraio 2024, 15:24

Rating legalità, l’eccellenza di Acinque

Trasparenza e rispetto delle regole, promosse le società del Gruppo. Canzi (presidente) e Cetti (AD): «Un’azienda affidabile»

Il presidente Marco Canzi

Il presidente Marco Canzi

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, esaminate le domande per l’attribuzione del Rating di Legalità presentate dalle società Acinque Innovazione, Acinque Tecnologie e Acinque Ambiente, le ha promosse con un punteggio altissimo (considerando 3 stellette il massimo raggiungibile). Ecco i punteggi ottenuti.

Acinque Innovazione S.r.l. ★★++

Acinque Tecnologie S.p.A. ★★★

Acinque Ambiente S.r.l. ★★+

Insomma, Acinque Tecnologie ha ottenuto il massimo, Acinque Innovazione e Acinque Ambiente sono ad un passo dal top.

È un altro motivo di orgoglio e soddisfazione – ha sottolineato l’amministratore delegato di Acinque, Stefano Cettiche conferma la capacità del nostro Gruppo di eccellere nei diversi settori e sotto ogni profilo. Questo riconoscimento, in particolare, certifica la scrupolosa attenzione alle procedure, il rispetto delle regole, la chiarezza della proposta, la massima trasparenza adottata e praticata in tutte le declinazioni dei nostri business”.

Affidabilità, competenza e professionalità sono un patrimonio prezioso e fattori di garanzia a disposizione delle comunità dei territori in cui operiamo per le quali costituiamo un punto di riferimento nelle forniture e nell’innovazione – ha osservato il presidente, Marco Canzi -. È la nostra etica di impresa”.

Il Rating non è solo motivo di prestigio. Consente di accedere a vantaggi in sede di concessione di finanziamenti pubblici e agevolazioni per l’accesso al credito bancario.

Di più: permette alle società che possono fregiarsene di avere vantaggi quali una maggiore trasparenza e visibilità sul mercato nonché una migliore immagine presso gli stakeholders, anche grazie all’apposita sezione sul sito dell’AGCM con i nomi delle imprese titolari del Rating.

Il Rating è inoltre riconosciuto a norma di legge: dalle Amministrazioni Pubbliche nell’emanazione di bandi, concedendo preferenza in graduatoria e un punteggio aggiuntivo; dal nuovo Codice degli Appalti, che lo inserisce quale criterio premiale nella valutazione dell’offerta di gara: all’Art. 93: nei contratti di servizi e forniture, l’importo della garanzia e del suo eventuale rinnovo è ridotto del 30% per gli operatori economici in possesso del Rating di Legalità; all’Art. 95: le Amministrazioni aggiudicatrici indicano nel bando di gara i criteri premiali che intendono applicare alla valutazione dell’offerta, in relazione al maggior Rating di Legalità dell’offerente; all’Art. 213: il Rating di Legalità concorre anche alla determinazione del Rating di Impresa e l’ANAC collabora con l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per la rilevazione di comportamenti aziendali meritevoli di valutazione al fine dell’attribuzione del riconoscimento.

c. s.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore