/ Attualità

Attualità | 21 ottobre 2023, 08:35

La Svizzera non prevede per ora controlli più severi ai confini con l'Italia

Nonostante la delicata situazione internazionale Berna ritiene che le misure attuali siano sufficienti. Cresce però il numero di irregolari: 7120 solo a settembre

La Svizzera non prevede per ora controlli più severi ai confini con l'Italia

Nonostante l’allarme terrorismo, al momento, Berna non prevede controlli più severi per gli ingressi al confine con l’Italia. Lo ha detto la ministra di giustizia e polizia svizzera, Elisabeth Baume-Schneider. Ma il suo intervento ha sollevato critiche.

"Alla frontiera italiana i controlli sono stati intensificati. Ma affermare che l'intero confine è sorvegliato e che nessun clandestino entrerà più sarebbe pura retorica. Molti confini svizzeri sono situati in regioni economiche molto importanti, come ad esempio quella basilese o il Ticino, dove entrano moltissimi veicoli ogni giorno. I controlli supplementari che abbiamo deciso sono sufficienti, sono la misura giusta da prendere di fronte alla situazione attuale" ha detto  Elisabeth Baume-Schneider, responsabile dell'Ufficio delle dogane e della sicurezza delle frontiere  che per ora ha escluso di seguire quanto fatto negli ultimi giorni da, tra gli altri, Germania e Italia.

''Un tema, quello della migrazione, che è di fatto uno dei principali della campagna in vista delle elezioni federali in programma questo fine settimana. A giugno la consigliera federale era stata biasimata da alcuni membri del Consiglio degli Stati per essersi dimostrata troppo passiva nei confronti di Roma. Dal dicembre 2022 l'Italia non accoglie più persone richiedenti l'asilo che, secondo l'accordo di Dublino, rientrerebbero nella sua sfera di competenza'' scrive Swissinfo.

Intanto i dati dicono che negli ultimi mesi il numero di persone che entrano illegalmente in Svizzera è aumentato, in particolare a sud delle Alpi. Solo in settembre sono stati registrati 7.120 soggiorni illegali, 1.300 in più rispetto ad agosto.

Anche da parte italiana, ai posti di confine tra Verbano e Canton Ticino e tra l'Ossola e il Vallese i controlli al momento restano nella normalità.

Renato Balducci da Ossolanews.it

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore