/ Hockey

Hockey | 15 settembre 2023, 20:27

Tilaro, un “ampezzano” a Varese: «Qui passione, lì tradizione. I nostri 300 tifosi potranno fare la differenza»

L’attaccante 27enne dei Mastini è cresciuto a Pieve di Cadore e ha passato quasi 20 anni nello Stadio Olimpico che ospiterà la finale di Supercoppa: «Conosco quasi tutti i giocatori del Cortina e so cosa ci aspetta: bisognerà essere bravi nell’approccio e in difesa»

Gianluca Tilaro vicino a uno dei suoi piccoli fan (foto Alessandro Umberto Galbiati)

Gianluca Tilaro vicino a uno dei suoi piccoli fan (foto Alessandro Umberto Galbiati)

Gianluca Tilaro è il miglior punto di contatto tra Varese e Cortina che il "viandante" giallonero in cerca di un Virgilio per la Supercoppa possa vantare.

Nato a Conegliano, ma cresciuto a Pieve di Cadore («è a mezz’ora di auto da Cortina»), l’attaccante 27enne dei Mastini ha passato una vita sotto le Tofane, militando con i colori bianco-azzurri dall’under 12 fino all’under 20, prima di spiccare il volo verso Milano, Como e infine la Città Giardino.

Il suo è quindi un passpartout verso la finale di Supercoppa pieno di ricordi, di affetto verso gli ex compagni di squadra con cui è cresciuto e di conoscenza di un ambiente che può sembrare molto diverso da quello pregno di quell’entusiasmo fragrante che si respira all’Acinque Ice Arena, ma è ricco di storia. «L’hockey a Cortina è una tradizione, anche se non è sentito come qui a Varese, dove c’è più gente che viene alle partite. Rimane però nel dna del persone, ed anche uno status symbol: lì un ragazzo o gioca a hockey, o fa sci. Il pubblico è abbastanza numeroso ma non calorosissimo, anche se mi ricordo che quando nel 2006 vinsero lo scudetto contro Milano, lo stadio era pienissimo e c’era un grande clima. Negli ultimi anni si è un po’ perso, ma è rimasto lo zoccolo duro: meno pubblico, grande tradizione. Io all'Olimpico ci ho passato 20 anni».

«Conosco molto bene quasi tutti i giocatori del Cortina - continua Tilaro - Abbiamo condiviso gioie e dolori, con molti abbiamo vinto il campionato under 18 e anni prima ancora il campionato under 12. Le persone a cui sono più legato? René Vallazza, che quest’anno si è trasferito all’Alleghe, poi quelli di Pieve che giocano a Cortina, quindi Sanna, Larcher, Giovanni Toffoli, Panciera. Ma sono in contatto anche con Zanatta, Barnabò e De Zan».

Inevitabile chiedergli che partita immagini per il suo ritorno dove è nato come atleta e come uomo di sport: «Sarà importante l’approccio, perché già i primi minuti saranno molto intensi. E poi sarà fondamentale difendersi bene, proprio perché il loro valore è superiore al nostro. Cosa ci aspetta? Abbiamo già giocato contro il Fassa, che però l’anno scorso era nell’ultima parte della classifica, mentre il Cortina è andato vicinissimo a vincere l’Alps: i bellunesi hanno giocatori italiani veramente forti, giocano assieme da una vita e poi stranieri di spessore che hanno giocato in campionati di alto livello. Infine possono godere del lavoro di un allenatore che conosco molto bene e che sente molto qualsiasi tipo di partita si affronti: Giorgio (De Bettin ndr) dà sempre qualcosa in più e dedica molto tempo ai dettagli, un aspetto che a quel livello fa sempre la differenza».

Qualcuno, in questi ultimi giorni gonfi di attesa ed eccitazione, ha buttato lì anche una battuta: se la finale di Supercoppa venisse giocata dallo stesso spirito della squadra che la stagione passata ha vinto la Coppa Italia e poi il campionato, ora che siamo a inizio stagione ci sarebbero forse più chances… «Il gruppo che c’era lo scorso anno era unico - replica non nascondendosi Tilaro - perché oltre a essere una squadra in campo eravamo una famiglia fuori. Molti ragazzi che ora non ci sono più, oltre a dare tutto sul ghiaccio, sapevano tenerci uniti nello spogliatoio. Adesso è diverso perché ci sono parecchi elementi nuovi, compresi gli stranieri, e non abbiamo ancora avuto il tempo per stare abbastanza insieme e creare lo stesso legame».

E allora ci si affiderà ovviamente molto ai 300 intrepidi varesini che si mangeranno in un sol boccone le 5 ore e passa di auto per essere presenti sulle tribune dello Stadio Olimpico. Tilaro, che godrà anche del sostegno dei suoi vecchi amici e della famiglia (mamma Cinzia, papà Carmelo e sua sorella Sara), viste le sue conoscenze ha persino aiutato i tifosi a organizzare la trasferta, trovando loro l’albergo in cui staranno tutti insieme: «Qui a Varese c’è veramente una grande passione, rinata l’anno scorso grazie a tanti fattori, in primis il palaghiaccio nuovo che ha saputo unire vecchi e nuovi tifosi. Sapere che a Cortina verranno 300 persone sarà una grossa spinta, perché avere il tifo a favore e non contro farà la differenza».

E chissà che anche coach Niklas Czarnecki non ci metta il suo zampino: «Cos’è cambiato con lui rispetto a Devéze? Per il momento non vuole stravolgere molto di quello che era stato creato l’anno scorso, ma ha già aggiunto alcune cose nuove, il gioco è un po’ più aggressivo, ci difendiamo in maniera diversa e vuole che attacchiamo e difendiamo sempre in 5». 

Andrea Confalonieri e Fabio Gandini


Vuoi rimanere informato sui Mastini Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo MASTINI VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP MASTINI VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore