/ Varese

Varese | 25 maggio 2023, 07:30

«Buche e strade martorizzate a Varese? Colpa del Decreto Scavi»

Il sindaco Galimberti e l’assessore Andrea Civati: «Chi effettua i lavori di posa della fibra ottica non è obbligato poi a risistemare. Il Comune ha le mani legate»

«Buche e strade martorizzate a Varese? Colpa del Decreto Scavi»

Le strade martorizzate di Varese? «Colpa del Decreto Scavi».

Si è accidentalmente parlato anche di buche e dintorni nelle arterie varesine (argomento spesso sulla bocca dei cittadini e dell’opposizione politica in consiglio comunale) durante la Commissione Lavori pubblici del Comune di Varese, tenutasi nel pomeriggio di lunedì (leggi QUI le trattazioni principali).

A sollevare l’argomento il consigliere di Fratelli d’Italia Eugenio De Amici, che ha fatto presente la mancanza di un ufficio di coordinamento presso Palazzo Estense che possa servire a dare un ordine agli interventi che insistono sulla rete stradale: «Prima la posa della fibra, poi gli interventi fognari, quelli idrici e l’installazione di semafori… Ecco perché le strade di Varese sono rovinate: forse non sempre è colpa dell’amministrazione».

La risposte del sindaco Davide Galimberti e dell’assessore Andrea Civati hanno permesso di scoprire un risvolto della questione che forse non tutti i cittadini conoscono: «Il famigerato Decreto Scavi (si tratta di un decreto del 2013 che ha disciplinato gli scavi e la posa delle infrastrutture digitali nelle città ndr) consente agli operatori delle telecomunicazioni di derogare a tutti i regolamenti stradali, compreso quello varesino che prevederebbe l’obbligo di riasfaltatura dopo ogni lavoro effettuato» ha dichiarato l'assessore.

In poche parole, a posa della fibra ottica effettuata, vie e piazze restano così come sono, ovvero con buche, “ferite”, sbalzi e tutte quelle storture che chi le percorre giornalmente conosce bene. Ci deve pensare poi l’amministrazione ad asfaltare, a spese proprie: «E il Comune ha praticamente le mani legate - continua Civati - Anche perché se ritarda le autorizzazioni rischia di essere citato per danni. Noi possiamo solo sanzionare i cantieri non in regola e vi assicuro che lo facciamo quando necessario».

«Sono i piani nazionali che stabiliscono gli interventi, dove vanno effettuati e quando - ha aggiunto Galimberti - Gli enti locali non hanno alcun potere. E capita che strade appena asfaltate siano subito rovinate dall’esigenza di compiere queste opere senza che poi vengano risistemate».

F. Gan.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore