/ Gallarate

Gallarate | 22 maggio 2023, 15:05

Gallarate, il XXV Aprile divide ancora: mozione di Fratelli d’Italia e comunicato del Partito Democratico

Contestazioni al sindaco durante l’ultima festa della Liberazione, foto di Giorgia Meloni e Ignazio La Russa barrate con un croce: Fdi chiede solidarietà per il primo cittadino e la censura di Anpi. I Dem: «La lettura di certe affermazioni suscita una sensazione di ridicolo». E stigmatizzano un post di Alessandro Frisoli, sempre Fdi, con tanto di commento dedicato alla Decima MAS

Gallarate, il XXV Aprile divide ancora: mozione di Fratelli d’Italia e comunicato del Partito Democratico

Il XXV Aprile gallaratese torna a fare discutere, alla vigilia del Consiglio comunale in programma martedì sera. Numerose le mozioni all’Ordine del giorno. Al punto 9, quella presentata dal gruppo consiliare di Fratelli d’Italia.

Ricordato l’ultimo anniversario della Liberazione (il sindaco, Andrea Cassani, venne contestato e arrivò a ipotizzare future celebrazioni senza il coinvolgimento di Anpi, VEDI QUI), nel testo si afferma che «…su uno striscione della stessa associazione è stata esibita la foto del Premier Giorgia Meloni e del Senatore Ignazio La Russa coperti da un croce e con la scritta “Non ancora liberi”». Un «…chiaro attacco alle Istituzioni», per i firmatari della mozione, in un «…quadro alquanto preoccupante…», con «…una parte politica in Italia, minoritaria e sconfitta alle elezioni politiche, che ha lavorato, fomentato e istigato per instillare nel paese un clima di tensione e di odio».

Ancora: «Questi episodi estremisti di sinistra tentano di creare una frattura, una lacerazione politica e sociale strumentalizzando il significato dell’Anniversario della Liberazione quale giorno di festa di tutti gli italiani e non solo di una fronda politica». In assenza di una presa di distanze da parte di Anpi, la mozione chiede al Consiglio comunale di condannare gli episodi «…di alcune frange estreme di sinistra», di esprimere solidarietà al sindaco per le contestazioni ricevute e di censurare Anpi, in quanto organizzatrice del corteo.

Il Partito Democratico anticipa quella che sarà la sua posizione sull’argomento diramando un comunicato stampa. Vi si parla di un «…potere che si prende eccessivamente sul serio, che pretende di imporsi non mostrando dignità ma digrignando i denti, che mal sopporta opposizioni di qualsiasi genere, che se la prende con i deboli e balbetta davanti ai forti». La nota prosegue: «La netta sensazione di ridicolo che emerge dalla lettura di certe affermazioni contenute in quel documento pare, purtroppo, del tutto indipendente dalla volontà degli estensori. E la possibilità che la maggioranza in Consiglio possa davvero darvi peso, o perlomeno far finta di, e votare favorevolmente alla mozione, getta un’ombra sinistra, pesante, sulla vicenda».

Segue un ulteriore affondo: «Rappresentanti delle Istituzioni che fanno il saluto romano. Candidate che sfoggiano tatuaggi apertamente nazisti (vicenda emersa durante la recente campagna elettorale a  Lonate Pozzolo, il tatuaggio incriminato è stato modificato, Ndr). Rappresentanti locali di FdI che, su Facebook, festeggiano a loro modo il 25 aprile mettendo un bel like a chi ricorda gli usurpatori fascisti della X MAS».

Il riferimento è ad Alessandro Frisoli, esponente di Fdi. Vicepresidente della fondazione scuole materne, il 25 aprile ha pubblicato su Facebook un post nel quale manifestava l’intenzione di festeggiare San Marco (non, dunque, la Liberazione). Poco sotto, in un commento, appariva la scritta “W la Xˆ”, con evidente riferimento al «… corpo franco – fa presente, sempre su facebook, il Partito Democratico di Gallarate -  agli ordini dei nazisti tedeschi […] che si macchiò di gravi efferatezze come la fucilazione sommaria di civili e partigiani, la cattura e tortura di ostaggi fra i civili». E il commento sulla Decima, catturato con uno screen shot, avrebbe incassato un like proprio da Frisoli.

Tornando al Consiglio comunale, e alla mozione di Fdi, i democratici concludono: «Lanciamo un appello a Fratelli d’Italia. Non costringete il Consiglio Comunale a dibattere la vostra mozione. A censurare l’opera dell’ANPI. A esprimere solidarietà all’unica figura che ha causato scandalo e divisione il 25 aprile (ovvero il sindaco di Gallarate). Ad additare come estremisti quei ragazzi che, probabilmente, come esito, saranno ancora più convinti nelle loro azioni».

Negli allegati, la mozione di Fratelli d’Italia, il comunicato e il post Facebook del Partito Democratico

Files:
 Fdi - Mozione (687 kB)
 PD - Comunicato e post facebook (502 kB)

Stefano Tosi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore