/ Salute

Salute | 14 aprile 2023, 12:03

Identificata in Lombardia "Arturo", la nuova variante del Covid

Merito del lavoro dei ricercatori del San Matteo di Pavia dall'equipe del professor Baldanti. L'assessore Bertolaso: «Nessuna evidenza di un maggiore impatto né sulla gravità né sulla capacità di infettare. Nessuna misura aggiuntiva, rimane importante l'igiene delle mani e l'uso della mascherina in presenza di persone fragili o malate»

(foto d'archivio)

(foto d'archivio)

«E’ stata identificata dall’equipe del professor Fausto Baldanti, direttore dell’Unità di Microbiologia e Virologia del IRCCS San Matteo di Pavia, la variante Covid XBB.1.16 denominata "Arturo"». 

Lo comunica in una nota l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Guido Bertolaso.  

«Al momento non sono presenti notizie di altre identificazioni di "Arturo" a livello italiano – commenta Bertolaso - abbiamo prontamente avvisato il Ministero della Salute e i nostri laboratori sono in continuo contatto con l’Istituto Superiore di Sanità, con i quali collaborano alla sorveglianza nazionale». 

«Mi complimento con il professor Baldanti e la sua equipe per l’importante attività di sorveglianza – aggiunge Bertolaso -  complimenti da estendere a tutti i laboratoristi lombardi che continuano l’attento lavoro di analisi». 

«La variante "Arturo" - spiega il professor Baldanti - è stata identificata attraverso lo screening attivo presso l’ospedale che include sia pazienti ricoverati sia i pazienti che accedono al Pronto soccorso». 

«Il Centro Europeo per il controllo delle Malattie Infettive (ECDC) - continua il virologo - nel report del 23 marzo non ha ancora associato la variante a caratteristiche di maggior impatto né sulla gravità, né sulla capacità di infettare, al momento stiamo valutando attentamente la situazione»

«Per questa nuova variante - conclude l’assessore Bertolaso - non sono presenti evidenze per prevedere misure aggiuntive: rimane sempre importante come prevenzione, non solo per il Covid, ma per tutti i virus respiratori, una corretta igiene delle mani e l’utilizzo di mascherine in presenza di persone fragili/malate e quando si hanno i sintomi dell’influenza».

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore