/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 14 marzo 2023, 18:38

Non solo calci al pallone: psicomotricità con l’Antoniana

La storica realtà bustocca torna con una proposta per il benessere dei bambini e delle famiglie. Il direttore generale, Giuseppe Abenante: «Abbiamo bisogno di strutture migliori»

Psicomotricità con Antoniana - Foto dal sito della società

Psicomotricità con Antoniana - Foto dal sito della società

Sport, calcio, psicomotricità, Antoniana: torna la proposta della società, dedicata a bambine e bambini dai quattro anni, compiuti, in su. Obiettivo pallone? Sì, ma non per forza (locandina con i contatti in fondo). «Riprendiamo la psicomotricità ogni anno – spiega Giuseppe Abenante, direttore generale Antoniana – lavorando, con personale preparato, sulla coordinazione motoria. Che è propedeutica a… tutto! I partecipanti prendono confidenza nel contatto con il terreno, reagiscono ai comandi degli istruttori, giocano. Sempre sul nostro campo principale, magari con pettorine e palloni, anche morbidi: non tutti vogliono usare quelli classici».

Questione di numeri e attenzione: «Lavoriamo con gruppi non troppo grandi. Anche se, ammettiamolo, ci piacerebbe avere sempre più bambini e bambine con noi. In generale, bisogna essere in grado di stare attenti e mantenere alta la qualità. Siamo al servizio delle famiglie, ci è capitato di segnalare situazioni motorie, o di postura, che meritavano approfondimenti».

Pazienza innanzitutto: «Nel complesso, abbiamo circa 300 iscritti, dai cinque anni alla prima squadra. Ma non è una questione di numeri – insiste Abenante – è una questione di qualità. Quelli che vanno a 200 all’ora li vediamo e, non a caso, abbiamo rapporti con Pro Patria, Como, Accademia Milan e Inter. Per il sesto anno consecutivo siamo ufficialmente "scuola calcio". Ma per noi sono tutti e tutte importanti, gli stiamo dietro».

Quindi tutto ok? «In realtà avremmo bisogno di strutture più performanti. Di recente siamo stati a Seravezza, squadra in serie D. Lì hanno semplicemente messo a posto quello che esisteva, fra campo, strutture e servizi. Si percepisce che non ci sono delle novità dispensiose, ma tutto è stato rinfrescato e funziona. Sappiamo di essere seguiti dal Comune, l’assessore allo Sport, Maurizio Artusa, ci conosce molto bene, è presente. Anche i nostri spogliatoi sono, diciamo, “in divenire”. Ma abbiamo il passo per potere andare oltre».

Stefano Tosi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore