/ Territorio

Territorio | 01 febbraio 2023, 12:32

Frontalieri. Il Senato approva il ddl di ratifica dell'accordo tra Italia e Svizzera. Alfieri (Pd): «Ai lavoratori più tutele, ai Comuni più risorse»

«Per gli attuali lavoratori non cambierà nulla - spiega il senatore varesino del Partito Democratico - per i neoassunti è prevista una tassazione all'80% dell'imponibile in Svizzera che verrà portata in detrazione in Italia e dopo l'applicazione della franchigia si pagheranno le imposte nel nostro Paese»

Frontalieri. Il Senato approva il ddl di ratifica dell'accordo tra Italia e Svizzera. Alfieri (Pd): «Ai lavoratori più tutele, ai Comuni più risorse»

«Finalmente, dopo due anni di lavoro in Commissione congiunta Esteri e Finanze, l'Aula di Palazzo Madama approva oggi il testo di ratifica dell'accordo fiscale Italia-Svizzera. Abbiamo lavorato perché venissero introdotte in ratifica le misure previste dal Memorandum firmato dal nostro collega Antonio Misiani, allora Vice Ministro dell’Economia, con le organizzazioni sindacali e con l'Associazione Comuni italiani di frontiera. Quegli impegni sono stati traslati nel testo di disegno di legge a prima firma mia, poi unificato con il testo approvato dal nuovo governo». 

Così il senatore varesino del Pd Alessandro Alfieri, intervenendo in dichiarazione di voto in Aula a Palazzo Madama sul ddl di ratifica ed esecuzione dell'Accordo tra Repubblica Italiana e la Confederazione svizzera. 

«Per gli attuali lavoratori frontalieri - spiega Alfieri - non cambierà nulla, l'accordo consente a chi oggi è un lavoratore frontaliere di mantenere l'attuale regime fiscale fino al raggiungimento della pensione. Per i lavoratori che verranno assunti a partire dalla data di entrata in vigore del nuovo accordo, è prevista una tassazione dell’80% dell’imponibile in Svizzera che verrà portata in detrazione in Italia e dopo l’applicazione della franchigia si pagheranno le imposte in Italia con le aliquote vigenti».

«In particolare - precisa l'esponente democratico - oltre a quanto già previsto nell’accordo in termini di tutela degli attuali frontalieri, vengono previsti: l’innalzamento della franchigia a 10.000 euro per i frontalieri che pagano o pagheranno le tasse in Italia, garantendo un bonus fiscale aggiuntivo di 2.500 euro; la deducibilità dei contributi obbligatori per i prepensionamenti dei lavoratori frontalieri; la non imponibilità degli assegni familiari erogati in Svizzera; il mantenimento anche in futuro delle stesse risorse ai Comuni garantite oggi dal sistema dei ristorni, pari a 89 milioni; e soprattutto l’istituzione  di un Fondo per lo sviluppo economico e il potenziamento delle infrastrutture nelle zone di confine Italo-elvetiche, alimentato con risorse provenienti dal nuovo sistema fiscale».

«Quest’ultimo, in particolare, rappresenterebbe un primo esperimento di federalismo fiscale - conclude Alfieri - un grande risultato per la fascia confinaria dei 20km delle province di Verbano Cusio Ossola, Varese, Como, Sondrio e per la provincia autonoma di Bolzano. Inoltre, viene introdotto il tavolo interministeriale per definire lo status del lavoratore frontaliere chiesto più volte dalle forze sociali. Esprimo grande soddisfazione per un risultato che abbiamo portato a casa grazie alla condivisione con le forze sociali e i Comuni di frontiera guidati dal sindaco Massimo Mastromarino e al lavoro bipartisan che abbiamo condotto sul territorio, di cui ringrazio in particolare l’onorevole Matteo Bianchi».

Redazione


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore