ELEZIONI REGIONALI LOMBARDIA 2023
 / Hockey

Hockey | 22 gennaio 2023, 23:03

CAMPIONI - Dal ghiaccio le voci della gioia: «Questa coppa è il simbolo dell'amore»

Da coach Devèze a Raimondi e Piroso, dal ds Malfatti a Privitera e Franchini, dai sostenitori Pucci e Temperelli a Schina: tutte le dichiarazioni dei gialloneri che hanno vinto la Coppa Italia 2023

Capitan Vanetti alza la coppa (Photosport & More)

Capitan Vanetti alza la coppa (Photosport & More)

«Quale è stato il mio primo pensiero? No, non per me. Il mio primo pensiero è stato per Carlo (Bino), per Matteo (Malfatti) e per tutta la squadra. Questo successo lo dedico a loro».

Lo aveva detto, coach Claude Devèze, nella sua intervista appena tornato a Varese: «Sono tornato per finire l'opera, sono tornato per vincere».

Detto. Fatto.

Emozioni giallonere dall'Acinque Ice Arena. Servitevene a piene mani...

Claudio Pucci, imprenditore e sostenitore da sempre dei Mastini: «Abbiamo assistito a due partite eccezionali. Ma questa lo è stata di più».

Mauro Temperelli, segretario generale della Camera di Commercio, tifoso dei Mastini  (c'era anche a Merano tre anni fa) e anche lui contento in mezzo al ghiaccio con la nipotina Emma in braccio: «È contenta anche lei... I Mastini sono stati fantastici».

Edoardo Raimondi in lacrime vicino a papà Norberto: «È qualcosa di indescrivibile, passi una vita intera a giocare sul ghiaccio per arrivare a un momento del genere. E farlo in casa è qualcosa di indescrivibile. Questa coppa è frutto del lavoro di tutti noi, della società, della città, di chi c'è stato e di chi ci sarà: la lasciamo alle future generazioni come simbolo dell'amore per questa maglia».

Riccardo Privitera: «Dedico questo trofeo a mia madre, che mi ha portato avanti e indietro una vita agli allenamenti e alle partite. Abbiamo sofferto per 60 minuti oggi, ma è stato più bello così».

Matteo Malfatti, gli occhi lucidi che dicono tutto: «Questa coppa è di tutti noi, di tutti voi: ragazzi, pubblico, stampa. Abbiamo, avete fatto qualcosa di fantastico».

Marco Franchini: «È per i miei genitori... Perché? Perché mi hanno sopportato trentadue anni... E poi per i tifosi».

Alessio Piroso, con sigaro in bocca e la birra in mano: «A chi la dedico? A noi, ci siamo fatti un "culo" in questi tre anni... E poi ai tifosi: siamo una famiglia».

Andrea Schina: «Abbiamo fatto l'impossibile negli ultimi anni, avanti e indietro da Milano o da Como, senza una casa. Questa coppa è nostra. La mia dedica personale è per la mia ragazza».

Redazione


Vuoi rimanere informato sui Mastini Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo MASTINI VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP MASTINI VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore