/ Gallarate

Gallarate | 14 gennaio 2023, 15:17

Riunire la commissione Sanità: lo chiede il centrosinistra di Gallarate

Preoccupazioni per l’accessibilità del futuro ospedale a Beata Giuliana e per la dismissione di punto nascite e ambulatori al Sant’Antonio Abate. Appello alla maggioranza

Da sinistra, i consiglieri comunali di Gallarate Carmelo Lauricella, Michele Bisaccia, Anna Zambon, Margherita Silvestrini e Giovanni Pignataro

Da sinistra, i consiglieri comunali di Gallarate Carmelo Lauricella, Michele Bisaccia, Anna Zambon, Margherita Silvestrini e Giovanni Pignataro

Ci sono preoccupazioni, da parte del centrosinistra gallaratese (Pd, Città è vita, gruppo Margherita Silvestrini sindaco), sul futuro a lungo termine e nel breve periodo per la sanità del territorio. Il primo fronte è articolato, ma il tema posto all’attenzione della stampa oggi, 14 gennaio, in largo Boito, davanti all’ingresso di quello che a Gallarate si chiama “ospedale vecchio”, è, in particolare, l’accessibilità del futuro nosocomio Busto/Gallarate, da parte di operatori e utenza.

«I posti auto del futuro ospedale unico – fa presente Giovanni Pignataro, Pd – sono passati da quasi 2.700 a 1.100. La Vas presenta uno scenario cautelativo, quello dei 2.700, che sottintende flussi di auto definiti insostenibili. E si pensi al passaggio dei mezzi di soccorso. Si ipotizza un raddoppio del Sempione, da due a quattro corsie, fra la rotatoria di via Adige, Gallarate, e Cascina dei Poveri, Busto . Fattibile? Con tutte le realtà private che si affacciano sull’arteria? Con le intersezioni con ferrovia e 336?».

Pignataro definisce il secondo scenario, quello tendenziale, “lunare”: «Un ridimensionamento così drastico dei posti auto significa pensare che l’ospedale sia raggiunto, in grossa percentuale, a piedi, in bicicletta, con il Trasporto pubblico locale. Ma un ospedale non è uno stadio, chi ne ha bisogno ci va in auto, mica si mette in bici». E l’ipotesi di un prolungamento di via Filzi, evocata dal sindaco di Gallarate, Andrea Cassani? Stando alla documentazione «…non è contemplata». Prospettive convincenti, dunque, per il centrosinistra non ce ne sono.

La seconda fonte di preoccupazione è più imminente e concentrata sul Sant’Antonio Abate. Margherita Silvestrini: «Il ridimensionamento della cardiologia a Gallarate è solo l’ultima tegola. Fonti autorevoli ci danno per certa la chiusura del punto nascite e, prima ancora, quella di servizi ambulatoriali. Bisognerebbe aumentare i servizi territoriali, non diminuirli. Veniamo a sapere di cittadini che, per disaffezione e carenza di personale, sono costretti a migrare verso sedi distanti. Anche pazienti cronici». «Sul punto nascite – commenta Pignataro – speriamo di essere smentiti». «Non si vedono – rincara Michele Bisaccia, del gruppo Margherita Silvestrini sindaco – tentativi di trattenere i medici a Busto e Gallarate. O c’è una progettualità carente o c’è un tentativo di spingere verso la sanità privata».

Chiusura di Pignataro: «Penso che questi timori siano condivisi anche dalla maggioranza. E allora poniamo le questioni insieme, c’è una commissione sanità in cui confrontarsi». Per quanto riguarda la Vas, i tempi sono stretti: è possibile presentare osservazioni fino al 4 febbraio.

Stefano Tosi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore