/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 05 dicembre 2022, 19:15

Dissuasori, rotonde o ciclovia? «Studiamo come rendere sicuro viale Lombardia»

A Busto dopo l'ultimo incidente e le proteste dei residenti l'assessore Salvatore Loschiavo fa il punto: decisivo sarà il piano urbano di mobilità sostenibile, da affidare in questi giorni, ma intanto si possono adottare delle misure

Viale Lombardia

Viale Lombardia

Viale Lombardia è al centro dell’attenzione assieme ad altre situazioni che verranno delineate nel Piano urbano di mobilità sostenibile, in questi giorni a una svolta, ma bisogna prendere la decisione giusta. Perché «la velocità è la concausa, la prima causa è la conformazione della strada, con la scarsa visibilità per chi esce dalle vie laterali», afferma l’assessore Salvatore Loschiavo a Busto Arsizio.

Il che non ha a che fare soltanto con le auto parcheggiate, osserva: è arduo comunque uscire e svoltare se non a destra, proseguendo diritto o curvando a sinistra. Dopo l’incidente di domenica, per fortuna senza gravi conseguenze, i residenti hanno riproposto una lettera inviata al Comando dei vigili in cui chiedevano i dissuasori di velocità. Un’altra opzione, preannunciata con una petizione dall’avvocato Manuela Brazzelli Lualdi, poteva essere proprio l’obbligo di svolta a destra spostando, non riducendo, alcuni posteggi per consentire la manovra in sicurezza.

Che cosa dice l’assessore competente? «Il problema va affrontato in maniera organica – spiega Loschiavo – Proprio in questi giorni si chiude la procedura per l’affidamento del Pums, il termine era il primo dicembre, a metà del mese si fa la scelta e si stipulerà il contratto». Ci sarà poi tutto il 2023 per lavorare alle diverse soluzioni, ma ciò non significa che bisognerà tenersi i pericoli per un altro anno ovviamente: «Nel frattempo si può intervenire su alcune problematiche urgenti. Un esempio è la rotonda Ferrario-Marzoli che è stata anticipata e sarà in versione provvisoria a gennaio». Anche viale Lombardia può vedere adottate delle misure, intanto ma sempre con quella visione organica di rallentare la velocità e non solo.

I dossi?  «Gli attraversamenti pedonali rialzati – precisa l’assessore – vanno a intervenire ma non a risolvere. Senza contare i costi, ne servirebbero almeno tre, il che significa investire 30mila euro». Non è la cifra in sé, bensì l’effettiva efficacia del provvedimento che fa riflettere: «Ci possono essere anche altri interventi, come altre rotonde tipo quella verso via Costa, ma con caratteristiche diverse». Su quella rotatoria, realizzata con un basso spessore e senza dissuasori, le auto passano placidamente: in questo senso non sarebbero uguali.

«Le rotonde – continua Loschiavo – agevolerebbero l’uscita dalle vie laterali e non comporterebbero effetti collaterali per i mezzi di soccorso». Vorrebbe dire un taglio ai posteggi? Qui Loschiavo fa un’altra ipotesi, l’ispirazione potrebbe essere la pista ciclabile di via Marco Polo: «Addirittura una rivisitazione complessiva con una fila di posteggi sacrificata, una carreggiata ristretta, con pista ciclabile». La ciclovia, appunto.

Sono appunto ipotesi al vaglio e che potranno essere valutate nel Pums in un’ottica di sicurezza stradale complessiva da rafforzare. Ciò non toglie, ribadisce, che si possa intervenire anche prima con questa filosofia. E l'assessore si conferma pronto al confronto per prendere la decisione efficace.

Ma. Lu.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore