/ Lettere

Lettere | 23 agosto 2022, 09:41

«Passante, dove sta la verità?»

Riceviamo dall'Associazione Utenti del Trasporto Pubblico (UTP) e pubblichiamo

«Passante, dove sta la verità?»

«Luglio ci porterà fortuna, cantava Riccardo del Turco nell'estate del 1968. Luglio quest'anno ci ha invece portato la chiusura del Passante ferroviario di Milano, evento che non si era mai verificato dall'inaugurazione avvenuta nel 1997.

La vicenda è raccapricciante. Si è inizialmente parlato di usura anomala di ruote e binari dovuta al caldo, ma il Passante è quasi tutto in galleria, il sole non arriva sui binari. Poi si sarebbe trovato il colpevole, un ungibordo che si era guastato. Nella diatriba tra RFI, gestore dell'infrastruttura, e Trenord, che gestisce il servizio, si è inserita la Procura che ha sequestrato un tratto del binario incriminato.

La Procura è stata rapida nelle indagini e ha dissequestrato il binario dopo una dozzina di giorni invitando in sostanza gli attori (RFI e Trenord) ad adoperarsi per ripristinare il servizio. Trenord sembra essere presa in contropiede da questo passo, probabilmente perché non è pronta per la ripresa del traffico che vorrebbe il più in là possibile nel tempo e parla di tempi lunghi, della necessità di ulteriori verifiche ecc...

Ora, è già difficile credere che il solo guasto di un ungibordo possa avere danneggiato ben 55 treni su una struttura prevalentemente in rettilineo che in 25 anni non ha mai avuto problemi, ma questo mettere le mani avanti fa sorgere il sospetto che dietro un fatto tecnico, reale ma puntuale, siano stati nascosti anni di negligenza nella manutenzione dei treni e una cronica crisi di personale che esplode ad ogni evento, anche se assolutamente ordinario e prevedibile come il normale godimento dei giorni di ferie da parte dei ferrovieri.

Dai fatti traspare la volontà di Trenord di approfittare di ogni pretesto per ridurre il più possibile i servizi nel mese di agosto, contando sulla contrazione dei movimenti pendolari e persistendo così in una concezione antiquata che vuole il trasporto ferroviario appannaggio esclusivamente di studenti e lavoratori a basso reddito. Questo nella regione che dovrebbe essere la più avanzata d'Italia anche in termini di mobilità.

E' troppo aspettarsi che un servizio fondamentale per la Lombardia sia prodotto da un'azienda adeguata al compito assegnato?

E' tollerabile questa interruzione di pubblico servizio?»

Massimo Ferrari

Associazione Utenti del Trasporto Pubblico (UTP)

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore