/ Varese

Varese | 17 giugno 2022, 16:06

Sabato la parata del Varese Pride

La partenza in via Sacco, la conclusione in piazza Repubblica diversamente da quando previsto inizialmente. Poi musica e festa fino a notte. «Sfileremo anche per l'Ucraina. E sui diritti non si deve arretrare» annunciano gli organizzatori

Sabato la parata del Varese Pride

Mancano poche ore all'inizio della parata del Varese Pride. L'evento, organizzato da Arcigay Varese, è giunto alla settima edizione e fa parte dei 47 Pride organizzati su tutto il territorio nazionale.

Il concentramento dei partecipanti è previsto alle ore 15.30 in via Sacco, e la partenza del corteo alle 16.30, con musica a cura di DJ Rio e performance varie.

Il percorso passerà in via Bernascone, piazza Monte Grappa, via Carrobbio, via Bizzozero, piazza Repubblica, via Spinelli, piazza Repubblica, via Manzoni, via Bernascone, largo Sogno, via Bernascone, via Carrobbio, via Bizzozero, piazza Repubblica, via Spinelli, con arrivo previsto in piazza Repubblica alle 18.30 dove si terrà la manifestazione finale fino a sera inoltrata.

La piazza è stata modificata all'ultimo momento per una sovrapposizione con un altro evento ai Giardini Estensi, ma grazie alla collaborazione tra Arcigay Varese e il Comune di Varese si è arrivati a una soluzione condivisa, modificando la piazza finale da piazza Monte Grappa a piazza Repubblica.

Sul palco interverranno le istituzioni e le associazioni. Previsti gli interventi, tra gli altri, di Giovanni Boschini (Presidente Arcigay Varese), Gabriele Piazzoni (segretario generale di Arcigay nazionale), Stefania Filetti (segretario provinciale Cgil), Antonio Massafra (segretario provinciale Uil). Tra gli interventi sul palco anche quelli di Agedo Varese e Famiglie Arcobaleno.

A seguire è prevista una grande festa in piazza con DJ Set a cura di Cusa e con La Wanda Gastrica e La Ines e i performer guest Vita Ninja & The Creative Team e Iconic House of Ninja.

Torniamo in piazza con lo slogan Varese sposa i diritti, affinché la nostra città sposi il diritto all'autodeterminazione e alla non discriminazione" - dichiara Giovanni Boschini, presidente di Arcigay Varese.

«Sfileremo anche per l'Ucraina e siamo con gli attivisti del Kyiv Pride e il Kharkiv Pride, impegnati a difendersi dall'invasione russa. La nostra visibilità vuole lanciare un messaggio chiaro: non ci nascondiamo, non ci vergogniamo e sui diritti non si deve arretrare».

L'evento ha ottenuto il patrocinio del Comune di Varese, dell'Ambasciata del Canada in Italia e dell'Università degli Studi dell'Insubria e all'evento hanno aderito più di trenta realtà. Sul sito varesepride.it e in piazza sarà possibile contribuire ai costi di realizzazione con una donazione.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore