/ Scuola

Scuola | 09 giugno 2022, 16:03

Il Covid fa "sparire" il refettorio, il Comune di Varese lo recupera: vinto un bando da 345 mila euro

A beneficiarne la scuola primaria San Giovanni Bosco di via Busca, dove l'esigenza di nuovi spazi per ottemperare alle norme anti-contagio aveva portato al sacrificio della sala mensa. L'assessora Dimaggio: «Lavori subito al via»

Il Covid fa "sparire" il refettorio, il Comune di Varese lo recupera: vinto un bando da 345 mila euro

La pandemia, senza contare i disagi di natura psicologica e sociale provocati, ha stravolto la vita degli indifesi bambini anche se non soprattutto in termini di logistica scolastica. A Varese come nel resto d’Italia.

Regole di contrasto al diffondersi del contagio, sopravvenute e sovrapposte, hanno infatti mutato rapidamente un luogo fisico per definizione quasi immutabile nella sua quotidianità, e così le abitudini che esso ospitava. Nell’esigenza di distanziare gli studenti, gli spazi una volta abbondanti non sono più bastati, improvvisamente. E allora via a cambiamenti, adattamenti e rinunce, con buona pace (e tanto lavoro) di professori, dirigenti, personale amministrativo e assessorati.

È successo anche alla primaria San Giovanni Bosco di Varese, appartenente all’Istituto Comprensivo 2 S. Pellico: un istituto molto frequentato ma voluminoso, a tal punto da ospitare - nel 2017 - gli alunni della Canziani dopo che la loro scuola era stata valutata non più idonea dal punto di vista strutturale. Tutto è cambiato nel 2020: le obbligatorie “bolle” hanno comportato, nell’edificio scolastico di via Busca, addirittura il sacrificio del refettorio, diventato necessariamente una nuova aula. E qui, come quasi ovunque, ci si è organizzati con le mono-porzioni da consumare in classe.

Lo status quo sta per tornare al passato: oggi è infatti emersa la notizia che il Comune di Varese, partecipando a un apposito bando ministeriale, ha ottenuto un finanziamento che porterà alla ricostituzione della sala mensa perduta alla San Giovanni Bosco.

Il contributo ottenuto è di circa 345 mila euro. E l’amministrazione Galimberti ha già pronto il progetto: il nuovo refettorio sorgerà al piano terra, nella parte posteriore dell’edificio che oggi il personale usa per parcheggiare la propria auto. «Sarà nuovo, luminoso e ben arredato - spiega Rossella Dimaggio, assessora ai Servizi Educativi - I lavori inizieranno a breve termine e dovrebbero durare un anno e mezzo, senza ostacolare la normale vita scolastica visto che si svolgeranno all’esterno»

«Il Covid ha messo a dura prova il mondo della scuola e lo stesso assessorato ai Servizi Educativi - è il bilancio che traccia Dimaggio - È stata una sfida che abbiamo superato grazie alla condivisione: noi abbiamo coordinato e il personale scolastico è stato eccezionale, ma la capacità di adattamento, la disponibilità e la resilienza dei bambini e delle bambine è stata straordinaria».

F. Gan.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore