/ Varese

Varese | 21 maggio 2022, 14:30

Da oggetto immobiliare a casa pronta per essere vissuta: un confronto tra i professionisti del real estate

Giovedì, alle 18, nella sede di ArredoPiù di viale Belforte 250 a Varese, alcuni esperti del settore condivideranno riflessioni e considerazioni in merito ai nuovi paradigmi dell’edilizia in base ai cambiamenti delle esigenze abitative

Da oggetto immobiliare a casa pronta per essere vissuta: un confronto tra i professionisti del real estate

Giovedì (26 maggio), alle 18.00, presso la sede ArredoPiù di viale Belforte 250 a Varese, si terrà una tavola rotonda su un tema che, in questo ultimo periodo, è stato al centro di diverse riflessioni: l’evoluzione del real estate.

All’interno dell’area Smarthouse, divisione dedicata al contract residenziale del gruppo Arredo Più ed in collaborazione con ANCE Varese, professionisti del settore immobiliare, dell’architettura e della sociologia «condivideranno le nuove necessità e i nuovi bisogni da parte dei clienti, si confronteranno sulla rimodulazione dell’offerta rispetto alle esigenze attuali - spiega Alessandro Pascucci, CEO di Smarthouse - I professionisti che interverranno, presenteranno la fotografia attuale e la proiezione futura degli stili di vita, questi ultimi in costante trasformazione in una società definita fluida».

Il nuovo concetto di casa

Se, da un lato, la stanzialità condizionata dallo smartworking ha cambiato l’idea di mobilità, dall’altro, nuove forme d’investimento reddituale stanno agevolando il possesso come opzione alla proprietà - basti pensare a formule come il rent-to-buy, al senior living, al micro-housing o agli studentati. Il filo conduttore sarà rappresentato dal continuum tra l’essere e lo spazio dove vivere a fronte di un repentino sviluppo dei modelli culturali e delle abitudini sociali, che ridefiniscono gli equilibri soprattutto all’interno dell’ambiente domestico, del convivio e del lavoro.

Durante la serata, si entrerà più a fondo nell’introspezione e nel modo in cui i contenuti della quotidianità debbano costituire i driver fondamentali per realizzare progetti arredativi che migliorino il benessere psicofisico delle persone. Il mercato immobiliare evolve e si trasforma, nuovi paradigmi e nuovi bisogni necessitano di linguaggi dinamici, in grado di restituire immediate risposte.

Non più "quattro mura e un tetto", ma un luogo da vivere

In Smarthouse la progettazione è strategia, innovazione, esperienza immersiva, concretizzata con la presentazione di appartamenti reali, i “consumatori immobiliari” esigono informazioni istantanee e confrontabili, una sfida che impone l’adozione di paradigmi e linguaggi inediti inducendo una radicale trasformazione dei modelli di vendita: «Per questo, molte volte creiamo delle case-campione, per dare la possibilità ai clienti di vedere davvero la casa “vissuta”, proponiamo il layout della casa già in funzione dei mobili da inserire».

La casa diventa un prodotto finito e non un oggetto edile, il mondo delle costruzioni incontra le competenze trasversali dell’interior design e offre dotazioni d’arredo con pacchetti funzionali che contribuiscono ad aumentare le performance valoriali delle proposte immobiliari rispondendo alle esigenze di un mondo che cambia.

Oggi, il prodotto immobiliare viene progettato, promosso e comunicato alla stregua di un vero e proprio bene di consumo: un processo di sviluppo che impone la radicale trasformazione delle strategie commerciali e di marketing e l’adozione di modelli di engagement e comunicazione complessi.

«Abbiamo notato - conclude, infatti, Pascucci - che le abitudini del consumatore sono cambiate: ora, vuole un oggetto immobiliare quanto più completo possibile, con il valore aggiunto di asset che prima non c’erano e che rientrano nella “psicologia dell’abitare”, che rendono la casa confortevole, già pronta all’uso. Non si pensa più, a differenza del passato, che tanto più l’oggetto immobiliare è spoglio tanto più sia appetibile, ora il prodotto deve essere finito così che il cliente abbia già un’idea di come sarà».

L’iniziativa ha già riscontrato numerose adesioni, ma chi fosse interessato a partecipare può scrivere a info@smarthousecontract.com entro la sera di martedì, ricevendo quanto prima conferma della possibilità. 

Giulia Nicora

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore