/ Economia

Economia | 02 aprile 2022, 10:47

Ugo Duci riconfermato all'unanimità segretario generale della Cisl Lombardia

Si è concluso il congresso regionale del sindacato che ha confermato anche la segreteria: «Abbiamo di fronte un futuro che si prospetta difficile, il pensiero va anche a questi lavoratori poveri che guadagnano poco più di 500 euro al mese»

Ugo Duci riconfermato segretario generale della Cisl Lombardia

Ugo Duci riconfermato segretario generale della Cisl Lombardia

Ugo Duci è stato rieletto all'unanimità segretario generale della Cisl Lombardia. Il consiglio generale regionale eletto dal XIII congresso ha riconfermato il segretario generale e la sua squadra di segreteria, composta da: Paola Gilardoni, Enzo Mesagna, Fabio Nava e Pierluigi Rancati.

Si chiude così la due giorni di assise regionali che hanno impegnato in un intenso confronto e dibattito sui temi del lavoro, del welfare, sulle sfide aperte dalle trasformazioni in corso nel mondo dell'economia e del sociale, con 362 delegati, eletti nei congressi provinciali e in quelli di categoria, in rappresentanza di oltre 732mila iscritti.

Tanti i temi al centro del dibattito, dalla sanità alla salute e sicurezza sul lavoro, dalle sfide della transizione ecologica alla conciliazione vita-lavoro, dalle politiche del lavoro alle vecchie e nuove povertà, le opportunità e nuove sfide rappresentate dai fondi europei e dal Pnrr e la proposta di una cabina di regia regionale con le istituzioni e le parti sociali per monitorarne gli sviluppi.

«Gli ultimi due anni di pandemia hanno colpito tutti duramente, l’attuale scenario internazionale solleva preoccupazioni durature: abbiamo di fronte a noi un futuro che si prospetta difficile, soprattutto per chi è già in situazione di fragilità – afferma Ugo Duci, riconfermato segretario generale della Cisl Lombardia - il pensiero va anche a quei lavoratori poveri, quei working poor, che guadagnano poco più di 500 euro al mese. Per questi lavoratori, forse, non si tratta di sostare criticamente sul tema del salario minimo legale. Andrebbe piuttosto avviata una riflessione su precarietà, frammentazione dei contratti di impiego, part-time involontario, riforme dei contratti nazionali».

«Occorrerebbe insomma porsi quelle domande, che incoraggiano a progettare modalità più efficaci per presidiare transizioni professionali complesse - aggiunge - se si parla di lavoro povero, del resto, le fasce di lavoratori più esposte sono sempre le stesse: giovani, donne, persone con bassa scolarizzazione. La questione del lavoro andrebbe affrontata con approccio sistemico, considerando povertà nuove o che in parte erano dimenticate: povertà energetica e povertà alimentare».

Il segretario generale della Cisl Lombardia ha 61 anni, è bergamasco, dipendente pubblico, già segretario della Cisl Funzione Pubblica, prima a Bergamo e poi regionale. Nel 2008 è stato eletto nella segreteria della Cisl Lombardia. Nei primi anni ha seguito il settore welfare e sanità.

Dal 2014 è stato segretario organizzativo dell'unione sindacale regionale e nel 2017 è stato eletto segretario generale, riconfermato nel 2022 alla guida della confederazione lombarda.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore