/ Territorio

Territorio | 08 febbraio 2022, 22:09

Puzze in Valle Olona, l’assessore Cattaneo: «Ci impegniamo a risolvere il problema entro quest’anno»

È in corso al teatro di via Dante l’incontro pubblico sull’annoso problema delle molestie olfattive. Sul palco, con i sindaci e i rappresentanti delle realtà che si sono interessate della questione, l’assessore regionale Raffaele Cattaneo

Puzze in Valle Olona, l’assessore Cattaneo: «Ci impegniamo a risolvere il problema entro quest’anno»

È in corso al teatro di Via Dante di Castellanza l’incontro pubblico sulle molestie olfattive in Valle Olona che vede sul palco l’assessore regionale Raffaele Cattaneo insieme ai sindaci di Castellanza, Marnate e Olgiate Olona e ai rappresentanti delle realtà e degli enti che sino ad ora si sono impegnati attivamente per risolvere la situazione.

A spiegare il senso dell’incontro è stato proprio l’assessore Cattaneo: «Durante questa serata intendiamo illustrare quello che stiamo facendo e gli interventi intrapresi sin ora per far cessare le molestie olfattive.
Si tratta di un problema che non può e non deve essere sottovalutato e che ci prendiamo l’impegno di risolvere nel corso del 2022».

Un problema che, pur nascendo da lontano - la prima segnalazione, infatti, risale addirittura al 2008 - può essere risolto secondo l’assessore solo grazie alla collaborazione tra gli enti e i privati.

«È ora di affrontare questo problema con rinnovato slancio – ha rimarcato Cattaneo – ma non si deve pensare che sino ad ora nulla sia stato fatto.
Dalle analisi compiute sin ora si è risaliti a tre aziende del territorio, i cui scarichi paiono essere la causa delle molestie olfattive, ma anche così non è semplice intervenire, perché una di esse è parte di un contenzioso amministrativo ancora in atto, e per intervenire è necessario attendere che questo si concluda».

Anche con questo impedimento, però, la Regione, gli enti e i comuni non si sono fermati, e già si sta intervenendo su alcune delle cause attraverso un dialogo costruttivo e aperto.

«Credo – ha concluso Cattaneo – che la soluzione più efficace sia quella di trovare soluzioni condivise attraverso il confronto coi privati.

Abbiamo già iniziato questo percorso e abbiamo trovato degli interlocutori disponibili; questo mi fa affermare che la strada che stiamo seguendo sia quella giusta e che il problema sarà risolto in tempi ragionevolmente brevi».

Altro importante intervento iniziale è stato quello della dottoressa Tettamanzi di ATS, che ha chiarito una volta per tutte i dubbi sul fatto che queste molestie olfattive possano anche causare problemi per la salute dei cittadini.

«Abbiamo fatto e illustrato una prima valutazione del 2018 – ha sottolineato la dottoressa Tettamanzi – e ne abbiamo fatta anche una più recente.
Da entrambe non si evidenzia nessun impatto sullo stato di salute della popolazione, fermo restando l’importante disagio subito a causa dei cattivi odori».

Loretta Girola

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore