/ 

| 20 gennaio 2022, 07:00

Haiti: «Addio piccolo angelo, battezzato con acqua di rubinetto e una scodella: tu ci aspetterai per aiutarci a entrare in cielo»

Il commovente addio di suor Marcella Catozza a Benchester, 4 anni: l'ospedale, quando si è aggravato, l'ha rimandato alla Kay a morire. Il saluto struggente del papà: «Dio è più forte della malattia e ti farà correre per il Paradiso»

Haiti: «Addio piccolo angelo, battezzato con acqua di rubinetto e una scodella: tu ci aspetterai per aiutarci a entrare in cielo»

Non c’è stato tempo per esultare di fronte al ritorno di Fedline dall’ospedale (LEGGI QUI), poiché alla Kay si è dovuto dire addio subito a un piccolo angelo. Battezzato da suor Marcella Catozza «con l’acqua del rubinetto e una scodella per mangiare, perché non c'era altro», sono le parole della missionaria bustocca.

I piccini, i fragili ad Haiti, tormentata dalla miseria e dalla violenza, devono lottare ogni giorno: Benchester, quattro anni, era stato affidato a suor Marcella dai genitori che non potevano più assisterlo. Ma in questo caso all’ospedale non sono riusciti a salvarlo, anzi l’hanno rimandato alla Kay a spegnersi quando non c’era nulla da fare.

«Era arrivato da noi solo qualche mese fa, accompagnato dalla sua mamma e dal suo papà  - racconta sua Marcella -  Si era aggravato dopo pochi giorni, la corsa in ospedale, il ricovero durato più di un mese e l’altro ieri il ritorno a casa: qui i più gravi li mandano a casa perché non muoiano lì e il numero dei morti non pesi sulle statistiche dell’ospedale stesso».

L’altra sera è iniziata la veglia accanto a lui, «l’attesa che la promessa sulla vita di Benchester si compisse». È in quei momenti che suor Marcella lo battezza, con quello che ha a disposizione ma tutta la fede che fa sbocciare le parole destinate a commuoverci: «L’ho salutato, certa che stava andando in quel Paradiso in cui tutto il suo dolore viene trasformato in Gloria: lui, ultimo degli ultimi diventa il primo nella speranza che quando sarà il mio giorno mi riconoscerà e mi aiuterà ad entrare».

Un addio che addio non vuole essere, ma la commozione è cresciuta all'arrivo del padre, venuto a salutarlo: un momento che ha tolto il fiato a tutti, perché l'uomo ha chiesto perdono a questo suo figlio sfortunato per non essere riuscito ad aiutarlo di più. Bambino mio, gli ha detto, la malattia è stata forte, ma il buon Dio lo sarà di più e ti farà correre per il Paradiso. 

Ma. Lu.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore