/ Economia

Economia | 10 dicembre 2021, 07:00

Pro e contro della cannabis autofiorente

Il numero di ceppi diversi disponibili attraverso le banche dei semi è aumentato molto negli ultimi due anni. Nel 2010, era quasi impossibile ottenere semi di erba autofiorente di buona qualità, ma negli ultimi due anni, le autofiorenti sono esplose in popolarità grazie al ciclo di vita più veloce e alla facilità di coltivazione.

Pro e contro della cannabis autofiorente

Il numero di ceppi diversi disponibili attraverso le banche dei semi è aumentato molto negli ultimi due anni. Nel 2010, era quasi impossibile ottenere semi di erba autofiorente di buona qualità, ma negli ultimi due anni, le autofiorenti sono esplose in popolarità grazie al ciclo di vita più veloce e alla facilità di coltivazione. Oggi è possibile trovare ceppi autofiorenti ricchi di THC o CBD che offrono il meglio di entrambi i mondi e sono pronti per il raccolto in appena 8 settimane. Ma prima di iniziare il vostro prossimo ciclo di coltivazione con semi autofiorenti, cerchiamo di saperne di più sui ceppi autofiorenti e sui loro pro e contro!

1. Ceppi di cannabis autofiorente

La cannabis autofiorente proviene dalla genetica Ruderalis che contiene il tratto autofiorente. Questo accade perché la Cannabis Ruderalis è originaria di climi estremamente freddi come quelli dell'Europa orientale, dell'Asia centrale e del Canada, per esempio. Ora, la Cannabis Ruderalis non è autofiorente, ma gli allevatori si sono resi conto che potevano allevare piante di cannabis con questa caratteristica, quindi hanno combinato ceppi Ruderalis, Sativa e Indica per produrre piante che possono crescere in qualsiasi tipo di clima e fiorire automaticamente, senza bisogno di cambiare il ciclo di luce. Bene, ora ho capito... gli autofiorenti fioriscono automaticamente. Ma cosa significa?

2. Pro

Più veloce dal seme al raccolto

Il principale vantaggio delle autofiorenti è che fioriscono automaticamente. Questo significa che i ceppi autofiorenti hanno la capacità di crescere e fiorire più velocemente dei normali semi di cannabis. In generale, le varietà di cannabis autofiorenti impiegano circa 8 settimane dal seme al raccolto senza dover cambiare il ciclo di luce o dover crescere in una stagione specifica. Le autofiorenti vi permettono anche di coltivare versioni auto di ceppi classici o popolari, il che significa che non dovrete aspettare 12 o 16 settimane per provare quel ceppo eccezionale che desiderate. Coltivando gli autofiorenti potrete ottenere la stessa qualità e quantità nel 30% di tempo in meno.

Perfetto per la coltivazione furtiva

Un altro grande vantaggio degli autoflowers è che alcuni ceppi crescono molto più corti della cannabis normale. Ora, ci sono sicuramente autoflowers che crescono fino a 150 cm o più, proprio come le piante di cannabis normali. Ma alcuni autofiorenti crescono fino a 60 cm, il che li rende perfetti per chi coltiva in balcone, in giardino o per chi fa guerriglia in luoghi nascosti. La crescita più rapida e le dimensioni compatte degli autofiorenti rendono facile coltivare cannabis di alta qualità senza molto spazio e in modo super veloce. Quindi, se state cercando di coltivare nel modo più furtivo possibile, gli autoflower sono la scelta giusta!

Ampia varietà

Le autofiorenti hanno fatto molta strada dai primi ceppi autofiorenti, quindi non importa se sei un consumatore ricreativo o medico, troverai quello che stai cercando. Potete trovare autofiorenti con percentuali di THC fino al 27% o, se il CBD è la vostra passione, percentuali di CBD che vanno dall'1% fino al 20%. Oltre ai diversi contenuti di cannabinoidi, potete anche trovare varietà autofiorenti con diversi profili terpenici, permettendovi di assaggiare qualsiasi combinazione di terpeni possiate trovare interessante.

3. Contro

Può essere più sensibile

La natura a crescita rapida delle autofiorenti può renderle un po' più sensibili, quindi è estremamente importante che vi prendiate del tempo con le autofiorenti. Quando si coltivano le normali piante di cannabis, si ha tutto il tempo per rimuovere le foglie, eseguire la formazione delle piante, ecc... ma gli autofiorenti si sviluppano molto velocemente e non si vuole rallentare, quindi quando si parla di autofiorenti, si raccomanda di usare tecniche di formazione a basso stress piuttosto che ad alto stress per evitare di arrestare la crescita. L'arresto della crescita può finire per influenzare le dimensioni delle piante e, di conseguenza, le rese. Quindi, se siete principianti, assicuratevi di evitare metodi di allenamento ad alto stress come la cimatura, ma se avete già coltivato cannabis e sapete cosa state facendo, la cimatura non dovrebbe essere un problema.

4. In conclusione

Le genetiche di cannabis autofiorenti si sono evolute molto dai loro primi tempi, rendendo possibile ai principianti di coltivare erba di alto livello senza molto sforzo. Questo non significa che le autofiorenti siano migliori della cannabis normale, ma possono sicuramente darvi un enorme vantaggio a seconda di come state coltivando e del vostro livello di esperienza. Quindi, se decidete di optare per gli autofiorenti, ricordatevi di cercare genetiche di qualità e di acquistare da banche del seme affidabili, in questo modo eviterete ogni possibile problema durante il ciclo di coltivazione e raccoglierete fiori eccellenti in pochissimo tempo!

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore