/ Economia

Economia | 29 ottobre 2021, 14:17

Materie prime sempre più care: allarme dal tessile abbigliamento

Il presidente di Sistema Moda Italia Sergio Tamborini: «Sotto pressione l'intera filiera, a rischio la sua tenuta»

Sergio Tamborini

Sergio Tamborini

Dopo l'estate, i prezzi delle materie prime si sono surriscaldati più che mai. Con un allarme particolarmente forte lanciato dal settore tessile e abbigliamento.

Lo sottolinea Sistema Moda Italia, guidata dal varesino Sergio Tamborini. «Il 2021, sulla scia di quanto già iniziava a farsi strada sul finire del 2020, assiste ad un aumento dei prezzi delle materie prime della filiera T&A, che si è fortemente accentuato a partire dal periodo estivo - si rimarca in una nota - Dopo i rincari già archiviati nei mesi precedenti, in settembre l’indice sintetico Smi presenta una crescita del +36,2% in euro (+36% in US$) rispetto allo stesso mese del 2020».

Questa la fotografia: il cotone - come certifica l’indice A di Cotton Outlook - ha registrato un aumento tendenziale del +47,3% (in euro), mentre rispetto al mese di agosto, l’incremento medio mensile è stato del 6,3%. Ma secondo l’Icac (International Cotton Advisory Committee), la produzione mondiale di cotone dovrebbe crescere del 6% nella stagione 2021/2022 e i prezzi dovrebbero oscillare tra gli 82 cents di dollari per libbra e i 127 cents, con un midpoint a 101,6 cents/libbra.

I valori resteranno alti, non si erano mai visti di tale portata dal febbraio 2012. Alcune tipologie di cotone importate in Italia e quotate al listino della Camera di commercio di Milano, vedono rincari ancora più evidenti: rispetto a settembre 2020 una tipologia americana sale del 104,7% in euro, una tipologia greca del 53,9% e una dell’Asia Centrale del 46,6%.

Non va meglio per le lane. L’indice Awex Eastern ha chiuso  settembre a +45,1% in euro rispetto a settembre 2020. E le fibre sintetiche? Poliestere, nylon, acrilico aumentano del 50,9%, le artificiali (viscosa) del 17,3% (in euro). Anche la seta greggia comasca si è trovata con un aumento di poco superiore al +30,0%.

Il quadro, tuttavia, è anche peggiore. Bisogna in effetti tenere conto degli aumenti dei costi dell’energia, che arrivano oggi a circa il 40% per l’elettricità e al 30% per il gas. Un peso che si ritrova «a ricaduta nei costi incrementati della CO2, unendo problemi conseguenti alla pandemia a fenomeni speculativi internazionali».

A questo punto si evidenziano «i forti rischi di tenuta, in un network fatto per la maggior parte da aziende di piccole dimensioni, già duramente messe alla prova in questi ultimi 2 anni».

Non solo: le forniture base derivano da Paesi che non sono ancora tornati attivi al 100% dopo i fermi della pandemia.

Spiega proprio il presidente Sergio Tamborini: «Il continuo e, per ora, inarrestabile rialzo dei prezzi delle materie prime così come delle fonti di energia (elettrica e termica) sta mettendo sotto pressione l’intera filiera del tessile-abbigliamento. Rialzi di questo livello (in alcuni casi su taluni prodotti si parla di rincari di 3-4 volte rispetto ai valori pre-pandemia) non possono non riflettersi in un immediato aumento del valore dei prodotti e delle trasformazioni, in particolar modo nelle aziende a monte della filiera».

Questo in virtù anche delle peculiarità del tessuto imprenditoriale: «Molte di queste realtà sono aziende di modeste dimensioni e con bilanci già “fragili”, non in grado di assorbire questi aumenti. L’impossibilità o anche solo la difficoltà di procedere con questi aumenti, pur nel rispetto della logica del libero mercato, può mettere in difficoltà la tenuta della stessa filiera».

Ma. Lu.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore